Benefit aziendali o piccoli ricatti morali?

Da qualche giorno il piccolo Ale non va più all’asilo nido.

No, l’estate e le vacanze non c’entrano nulla. E nemmeno la crisi, le liste di attesa e gli altissimi costi degli asili nido privati.

Il fatto è che la sua frequenza all’asilo era concessa a titolo gratuito dal datore di lavoro di Francesca, un asilo nido privato di Milano.  Un bel benefit, non c’è che dire.  E una splendida opportunità per far fare esperienze ad Ale senza incidere sul bilancio famigliare e senza troppi problemi organizzativi, perchè Ale si alzava con noi, entrava al lavoro/nido con la Frà e con lei poi tornava a casa.    Davvero un bel benefit.  E ho sempre guardato il suo datore di lavoro con stima per la scelta di offrirlo alle sue lavoratrici – in fondo mica ne era obbligato e il contratto nazionale non lo prevedeva affatto.

Leggi tutto “Benefit aziendali o piccoli ricatti morali?”

Fuori dal vaso

giuriamo solennemente che ora e per sempre la faremo fuori dal vaso

Da quando abbiamo buttato la tv abbiamo detto basta anche a ballaro,annozero,infedele,e compagnia brutta. ma stasera non abbiamo potuto fare a meno di seguire RaiPerUnaNotte  ( alla radio ).

Odiare i mascalzoni è cosa nobile    (Quintiliano)

Ingiuriare i mascalzoni con la satira è cosa nobile
a ben vedere significa onorare gli onesti
(Aristofane)


Il giorno in cui il leone regalò una coda…

Il giorno in cui il leone regalò una coda agli animali – Favole dall’Africa Nera
€ 7.50  Pag. 47
Edizioni Terre di Mezzo

Spesso durante gli incontri di “Nati per leggere” o durante i laboratori multiculturali che portiamo in giro con l’Officina dei Colori leggiamo storie tratte dalle culture di vari popoli del mondo.

E’ davvero bello scoprire aspetti delle altre culture attraverso la letteratura per l’infanzia ed è altrettanto importante per i bambini  (ma anche per gli adulti) conoscere – e capire – gli altri popoli anche in questo modo.  A volte però ci riesce davvero difficile riuscire a trovare storielle che siano “adatte ai nostri bambini”

Si,  perchè se è vero che le “nostre” fiabe sono popolate di matrigne cattive che avvelenano le figliastre o le costringono ai lavori più umili,  genitori che abbandonano i figli alla prima difficoltà economica o orchi e vecchiette che si cibano di bambini, nelle leggende e fiabe del “Sud del mondo”  la morte, la miseria, e le ingiustizie sono davvero all’ordine del giorno e spesso espresse in modo molto poco poetico. Leggi tutto “Il giorno in cui il leone regalò una coda…”

Le radici ca tieni – Sud Sound System

Personalmente a me i SSS non fanno impazzire, anzi, non mi piacciono proprio (alla Frà un pò di più ma non è che ne sia una fan), ma devo dire che questa canzone è davvero bella e poi ha un testo davvero bello che in questo periodo di Tradizioni, Origini, e Cultura nazionalistica ci dice come in realtà il rispetto delle proprie radici e delle altre culture  non possano per forza essere antagonisti (e il “relativismo culturale” non debba necessariamente essere una brutta cosa)

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=1mibkWHB484]

‘Rit.: Se nu te scierri mai delle radici ca tieni
rispetti puru quiddre delli paisi lontani!
Se nu te scierri mai de du ede ca ieni
dai chiu valore alla cultura ca tieni!
Simu salentini dellu munnu cittadini,
radicati alli messapi cu li greci e bizantini,
uniti intra stu stile osce cu li giammaicani,
dimme mo de du ede ca sta bieni!
Rico Egnu dellu salentu e quannu mpunnu parlu dialettu
e nu mbede filu no Ca l’italianu nu lu sacciu
ca se me mintu cu riflettu parlu lu jamaicanu strittu
perche l’importante e cu sai nu pocu de tuttu
anche se de tuttu a fiate me ne futtu
ma se na cosa me interessa su capace puru me fissu
se ete quiddhru ca oiu fazzu me mintu ddhrai e fazzu cè pozzu
perche addrhu bessere ieu ca decidu te mie stessu
ca la vera cultura è cu sai vivere
cu biessi testu ma sempre sensibile
puru ca la vita ete dura è meiu sai amare
puru quannu te pare ca ete impossibile. Leggi tutto “Le radici ca tieni – Sud Sound System”

Morta, uccisa… o liberata?

Dinanzi all’epilogo di una lunga tragica vicenda, il silenzio che un naturale rispetto umano esige da tutti può lasciare spazio solo a un sentimento di profonda partecipazione al dolore dei familiari e di quanti sono stati vicini alla povera Eluana.

Giorgio Napolitano – Presidente della Repubblica Italiana  –  dopo la notizia della morte di Eluana Englaro alle 20:20 del 09/02/09 a causa del distacco dell’alimentazione ed idratazione artificiale deciso dopo 17 anni di stato vegetativo permanente.

Silenzio… per Carità!

silence please!

Onestamente non me la sento di entrare nel merito di una discussione talmente grave, seria e privata come la condizione di Eluana e dei suoi genitori.  Solamente ogni volta che ne sento parlare mi si stringe lo stomaco Per il dolore inimmaginabile che i suoi cari possono provare, per l’assurdità della situazione in stallo da troppi anni e per la rabbia che mi scatena il chiacchiericcio e l’invadenza che in troppi dimostrano nei confronti di questa vicenda. Leggi tutto “Silenzio… per Carità!”