Modi stupidi di morire

La morte prima o poi abbraccerà ognuno di noi, nessuno escluso.
Ma in alcuni casi forse possiamo evitare di anticipare l’incontro con il nostro destino finale morendo in modo semplicemente stupido. Quali sono i modi stupidi per morire?

modi stupidi di morireI primi che mi vengono in mente sono non allacciare le cinture di sicurezza, bere un liquido che indica un teschio sull’etichetta della bottiglia, non legare i bambini sul seggiolino in auto, guidare ubriachi, salire sul tetto di una casa senza senza essere in totale sicurezza, giocare a pinata con un alveare, assumere medicinali senza aver consultato un medico, non usare il casco in moto o in bicicletta…

Probabilmente alcuni sono talmente stupidi che il vostro buon senso non ve li farà nemmeno venire in mente, ma a quanto pare non siamo tutti uguali…

Leggi tutto “Modi stupidi di morire”

Spiegare la morte ai bambini

Ai funerali i bambini non si portano più. Perché – si dice – poi s’impressionano, non capiscono, hanno paura; meglio raccontare che il nonno è partito per un lungo viaggio, che la mamma è andata lontano lontano in un posto bellissimo dove c’è sempre il sole. Ma la verità,  è che siamo noi ad avere paura.**

Il post  riguardo all’educare i figli senza dio, ha generato una discussione decisamente accesa che ha superato i 250 commenti. Nelle fasi finali, quando ormai mi ero quasi stancato di ribadire i motivi della mia incapacità nell’accettare le risposte fornite dall’ipotesi Dio, è successa una cosa terribile.  Una banalissima febbre che ha colpito mio cognato ha portato alla devastante diagnosi di leucemia, neanche il tempo di due giorni per accusare il colpo e darsi forza nella speranza, che, in meno di 5 giorni dal primo sintomo, era già morto.  Lasciando la moglie vedova giovanissima con due figli dell’età circa di Fede e di Ale..

Leggi tutto “Spiegare la morte ai bambini”

A passeggio con mio figlio tra i cadaveri squartati

Alla fine ci siamo andati.  Dopo tutte le polemiche e le censure nate attorno alla mostra Body Worlds(di cui abbiamo parlato qui)  non potevano NON andarci.

e ovviamente ci siamo andati con i nostri due bimbi:   Fede a 20 mesi che trotterellava noncurante nelle sale o se ne stava tranquillo nella fascia e Ale ( 4 anni e mezzo ) molto molto attento e affascinato.

mostra bodyworlds

Non abbiamo ritenuto necessario specificare ad Ale che quelli fossero dei veri cadaveri “appartenuti a persone che fino a poco prima di morire, erano ancora in vita “ (ribadisco – definizione lapalissiana priva di senso) anche perchè davvero non ce n’era bisogno (e questa forse – almeno per quel che mi riguarda è stata un pò una delusione) : il metodo di conservazione dei corpi inventato dall’autore – la plastinazione – li mantiene realistici e inalterati ma riveste  tessuti,  tendini, nervi e quant’altro di un impercettibile stratino – come dire – “laccato”  che riduce un pò l’effetto “vero”.  Quindi assolutamente nulla che potesse fare davvero impressione.   Soprattutto ad un bambino.

Credo che un bambino possa solo rimanere affascinato dal vedere cosa c’è sotto la pelle, com’è fatta la sua pancia o il suo cervello. Leggi tutto “A passeggio con mio figlio tra i cadaveri squartati”

Cadaveri in mostra: Body Worlds e Human Body Exhibition

Da qualche tempo davanti al mio ufficio c’è un manifesto raffigurante un corpo umano “spellato” – con muscoli e tendini ben in vista, durante un gesto atletico.  Del manifesto da lontano potevo leggere solo Body Worlds a Milano o qualcosa di simile, e ho sempre pensato si riferisse ad una esposizione/raduno di culturisti…   Poi però mi è capitato di leggere su blog e giornali di una mostra di “cadaveri” che stava destando scalpore, ebbene era proprio la mostra del manifesto,  Body Worlds -Il vero mondo del corpo umano.

Ma perchè tutto questo scandalo? Ebbene, in questa mostra vengono esposti al pubblico corpi umani veri, non riproduzioni e ciò è reso possibile dalla tecnica della plastinazione che sostituendo ai liquidi corporei una specie di silicone permette di conservare il cadavere nel tempo e fissarlo nella posizione desiderata.  Proprio cosi’, i corpi dei morti vengono “modellati” ed esposti nelle forme più svariate, c’è quello a cui viene fatta assumere la postura atletica di un rugbysta o di un pattinatore, c’è quello a cavallo, quello concentrato davanti agli scacchi e persino quello che bara a carte…

Mostra Body Worlds - Il vero mondo del corpo umanoInsomma la mostra sta destando davvero scalpore e questo ovviamente non fa altro che aumentarne la notorietà,  puntando sulla curiosità e sull’alone di morbosità.    Leggi tutto “Cadaveri in mostra: Body Worlds e Human Body Exhibition”

Morta, uccisa… o liberata?

Dinanzi all’epilogo di una lunga tragica vicenda, il silenzio che un naturale rispetto umano esige da tutti può lasciare spazio solo a un sentimento di profonda partecipazione al dolore dei familiari e di quanti sono stati vicini alla povera Eluana.

Giorgio Napolitano – Presidente della Repubblica Italiana  –  dopo la notizia della morte di Eluana Englaro alle 20:20 del 09/02/09 a causa del distacco dell’alimentazione ed idratazione artificiale deciso dopo 17 anni di stato vegetativo permanente.