Il giorno della memoria (il giorno dopo)

Abbiamo deciso di parlare oggi del Giorno della Memoria, non perchè ce ne siamo dimenticati (!) ma semplicemente perchè ieri e i giorni immediatamente antecedenti se ne è parlato davvero praticamente ovunque.

Le ricorrenze, i grandi festeggiamenti, le magnificenti celebrazioni sono importanti però spesso si riducono ad un qualcosa di meccanico – e personalmente anche un pò ipocrita e stucchevole: “Il 27 febbraio è il giorno di ricordo della Shoa, dobbiamo parlarne, discutere, commemorare, anche perchè se no gli altri cosa penseranno, che siamo dei menefreghisti, revisionisti, insensibili?”   Poi il giorno dopo, tutto come prima, le belle parole e i buoni propositi finiscono nel dimenticatoio fino all’anno successivo quando il ricordo verrà opportunamente rispolverato.

Il lavoro rende liberi – Non ricordo dove lessi questa frase ma fu una di quelle citazioni che ti fulminano all’istante perché raccontano un’immensa verità”.  Leggi tutto “Il giorno della memoria (il giorno dopo)”