Cercare di accontare tutti e scontentar nessuno: la favola del vecchio, dell’asino e del bambino

Per le vie di un piccolo paesino un vecchio faceva il cammino con il figlio giovinetto e un unico piccolo asinello. Mentre il vecchietto andava a piedi e sulla groppa dell’asinello stava il bambino i passanti li schernivano:

Ma guardate lì che scena! Il vecchietto che non può neanche camminare va a piedi, mentre il bambino, che potrebbe correre, va a cavallo!”- Il vecchietto, sentiti i discorsi di quel gruppo di gente, per non dare adito ad altre dicerie, fece smontare il bambino per farlo andare a piedi e montò lui in groppa all’asino.

Leggi tutto “Cercare di accontare tutti e scontentar nessuno: la favola del vecchio, dell’asino e del bambino”

La libbertà (paladini …)

La Libbertà, sicura e persuasa
d’esse stata capita veramente
,
una matina se n’uscì da casa:
ma se trovò con un fottìo de gente
maligna, dispettosa e ficcanasa
che j’impedì d’annà libberamente.
E tutti je chiedeveno: – Che fai? –
E tutti je chiedeveno: – Chi sei?
Esci sola? a quest’ora? e come mai?…
– Io so’ la Libbertà! – rispose lei –
Per esse vostra ciò sudato assai,
e mó che je l’ho fatta spererei…
Dunque potemo fa’ quer che ce pare
– fece allora un ometto: e ner di’ questo
volle attastalla in un particolare…
Però la Libbertà che vidde er gesto
scappò strillanno: – Ancora nun è affare,
se vede che so’ uscita troppo presto!

(Trilussa)

Appena ho letto questa poesia di Trilussa non ho potuto fare a meno di ripensare alle gag di Corrado Guzzanti e Neri Marco Re all’Ottavo Nano diversi anni fa.  Leggi tutto “La libbertà (paladini …)”

La città fragile

Un paio di sabati fa siamo riusciti finalmente ad andare a vedere in Triennale la mostra La Città Fragile. Appena in tempo perchè la mostra, aperta il 20 di Novembre avrebbe chiuso i battenti proprio il giorno dopo (il 10 gennaio 2010).

Questa mostra rappresenta  la quarta tappa di una riflessione sugli effetti della modernità sulle forme di convivenza, della sua tendenza all’erosione delle forme di relazione tradizionali e del bisogno di comunità.  Gli altri capitoli / tappe sono state le mostre  La città infinita (2003), La rappresentazione della pena (2006), e  La vita nuda (2008)  alle quali purtroppo non siamo però mai andati. Leggi tutto “La città fragile”

Il giorno in cui il leone regalò una coda…

Il giorno in cui il leone regalò una coda agli animali – Favole dall’Africa Nera
€ 7.50  Pag. 47
Edizioni Terre di Mezzo

Spesso durante gli incontri di “Nati per leggere” o durante i laboratori multiculturali che portiamo in giro con l’Officina dei Colori leggiamo storie tratte dalle culture di vari popoli del mondo.

E’ davvero bello scoprire aspetti delle altre culture attraverso la letteratura per l’infanzia ed è altrettanto importante per i bambini  (ma anche per gli adulti) conoscere – e capire – gli altri popoli anche in questo modo.  A volte però ci riesce davvero difficile riuscire a trovare storielle che siano “adatte ai nostri bambini”

Si,  perchè se è vero che le “nostre” fiabe sono popolate di matrigne cattive che avvelenano le figliastre o le costringono ai lavori più umili,  genitori che abbandonano i figli alla prima difficoltà economica o orchi e vecchiette che si cibano di bambini, nelle leggende e fiabe del “Sud del mondo”  la morte, la miseria, e le ingiustizie sono davvero all’ordine del giorno e spesso espresse in modo molto poco poetico. Leggi tutto “Il giorno in cui il leone regalò una coda…”

Niente più libri gratis alle elementari!

libri

Da un articolo pubblicato sull’Unità il 24 novembre 2009:

Il Governo ha soppresso con la Finanziaria lo stanziamento di 103 milioni di euro per la fornitura gratuita dei libri di testo nella scuola dell’obbligo, «l’ultimo scippo del Governo alle famiglie, alla scuola e agli enti locali». Lo rende noto Manuela Ghizzoni, capogruppo del Pd in commissione Cultura alla Camera, chiedendo l’immediato intervento del ministro Gelmini.

Leggi tutto “Niente più libri gratis alle elementari!”