Diritti e sicurezza sul lavoro sono un lusso…

Robe come la 626 sono un lusso che non possiamo permetterci. Questa è la dichiarazione del ministro dell’Economia Tremonti al Berghem Fest di qualche giorno fa.

A parte il fatto che trovo inopportuno che un ministro si riferisca ad una legge definendola roba, questa dichiarazione  non mi ha stupito più di tanto. Sono anni che infatti si cerca di trasmettere ai lavoratori, e in particolare alle nuove generazione l’idea che il posto di lavoro sia un regalo del datore di lavoro, una vera e propria fortuna per la quale essergli sempre eternamente grati e riconoscenti.

Una concezione del rapporto di lavoro che rispecchia non solo la “subordinazione” determinata dal contratto di lavoro dipendente,  ma anche l’atteggiamento passivo di sottomissione ai capricci del capo magnanimo che ci garantisce il posto… In virtù di tale posizione di squilibrio il lavoratore si sentirà sempre in dovere di accettare trattamenti ingiusti e  rinunce.

Leggi tutto “Diritti e sicurezza sul lavoro sono un lusso…”

Schiscette contro la crisi

Saranno ormai 5 anni che quasi tutti i giorni mi porto al lavoro la cosiddetta “schiscetta”.

schiscetta ny

Ai non milanesi forse questo termine dirà ben poco, quindi mi spiego meglio, la schiscetta non è altro che il cestino per il pranzo.

No, nel mio caso non è  il vecchio contenitore metallico usato dagli operai qualche decina di anni fa,  e non è nemmeno il ricco Lunch Box che si vede preparare dalle premurose casalinghe americane per i  loro mariti e figli in tantissimi film, è semplicemente un contenitore di plastica che abbia la tenuta più stagna possibile per evitare perdite spiacevoli nella borsa del pc in cui ho riposto qualche manicaretto preparato con le mie manine o da quelle della Frà ( è vero, il più delle volte sono avanzi della sera prima, però questo non toglie che siano avanzi deliziosi, economici e più salutari di qualunque panino o piatto pronto del bar sotto l’ufficio). Leggi tutto “Schiscette contro la crisi”

Pensare la decrescita (al NABA)

naba
Vi segnaliamo un appuntamento molto interessante per tutti coloro che volessero approfondire l’argomento della decrescita o ma soprattutto per chi della decrescita non ha mai sentito parlare.
Oggi pomeriggio alle 18:00 al NABA di Milano in via Darwin 20, ci sarà l’incontro “Pensare la decrescita” in cui interverrà nientepopodimenochè Serge Latouche, filosofo, economista, antropologo e uno dei principali teorici della decrescita.

Leggi il resto dell’articolo

Decrescita in TV: Serge Latouche a Che Tempo Che Fa

Dopo la delusione dell’intervista da Gad Lerner Serge Latouche torna in TV nell’arco di pochi giorni. Questa volta da Fabio Fazio a Che Tempo che fa (Trovate l’intervista qui ma il link non è diretto, Purtroppo dovete cercare nell’archivio delle interviste di Fazio, quella con Serge Latouche è del 15 Marzo 2009).

latouche a che tempo che fa - programma di fabio fazio

Questa volta finalmente non ci si è limitati a qualche frase stravagante buttata li in pochissimi minuti. L’intervista è più articolata e parte dalle considerazioni espresse da Latouche nel suo ultimo libro “Breve trattato sulla decrescita serena”. Leggi tutto “Decrescita in TV: Serge Latouche a Che Tempo Che Fa”

Il tempo è denaro

Chi non ha mai pronunciato queste famossisime parole?  Chi non ha cercato di smuovere qualcuno dall’ozio esortandolo con questa massima?

Pochi sapranno però che questo aforisma, che ben descrive la nostra frenetica società capitalistica, trova le sue origini a fine 1700 ed  è attribuita al giornalista, filantropo, diplamatico ed inventore Benjamin Franklin (a lui dobbiamo il parafulmine).il tempo è denaro

La riflessione che voglio condividere però è un’altra:   Il tempo è denaro.   Ma vale di più il tempo o il denaro? Leggi tutto “Il tempo è denaro”

Lampadine ad incandescenza al bando!

ban the bulb

Si è vero c’è la crisi economica, ma è anche crisi energetica ed ambientale.  Quindi forse è il caso di raccogliere questo appello di GreenPeace e mettere al bando le lampadine a bulbo e passare alle lampadine a risparmio energetico.  Una piccola spesa in più oggi che si può rivelare un grosso investimento per il nostro futuro e quello del nostro pianeta.