Voglio andare a vivere in campagna: la mobilità NON sostenibile

Il sogno era quello di un qualsiasi cittadino.

vita di città contro vita di campagnaTrasferirsi fuori dalla metropoli lontano dal traffico, dall’inquinamento,  dalla frenesia quotidiana, dall’anonimato che accompagna fluidi di persone che percorrono insieme, ogni giorno, la stessa strada… Trasferirsi per non doversi chiudere in un anonimo centro commerciale per acquistare un prodotto qualsiasi, per scappare dalle strade affollate da auto, dai suoni dei clacson…

Trasferirsi in campagna per riuscire a vedere più di un misero quadratino di cielo, per respirare aria pulita, per riuscire a spingere lo sguardo lontano, magari su spazi ampi e verdi, per conoscere Persone, tessere relazioni e creare una comunità, per avere un contatto diretto con il proprio Comune e con chi lo amministra. Trasferirsi per poter acquistare prodotti sani e genuini direttamente dai produttori locali, per poter finalmente liberarsi dell’automobile per spostarsi in bicicletta o con i mezzi pubblici per gli spostamenti più lunghi.

Insomma, un sogno non poi così tanto originale, eh?!
Ma ci abbiamo provato e ci siamo trasferiti in campagna, come la definiscono molti tra i nostri amici e parenti,  ad una ventina di km da Milano.

Sugli scarsi, cari e sovraffollati mezzi pubblici che dobbiamo prendere per tornare in città abbiamo messo una pietra sopra da qualche anno e ci siamo concentrati sulle possibilità che offre la vita di provincia, sulla vita quotidiana della famiglia e in particolare dei nostri bambini.
In campagna la mobilità non può che essere più sostenibile che in città. E invece no…

vita di città contro vita di campagna Leggi tutto “Voglio andare a vivere in campagna: la mobilità NON sostenibile”

Settimana europea della mobilità sostenibile 2012

La settimana dal 16 al 22 settembre 2012 sarà la settimana europea della mobilità sostenibile. Settimana durante la quale in tutta europa, diverse città ospiteranno convegni, dibattiti ed eventi per gli addetti ai lavori, ma soprattutto per la cittadinza al fine di diffondere la nuova cultura della mobilità sostenibile.

settimana della mobilità sostenibile 2012

Insomma il messaggio è semplice: lasciamo a casa la nostra auto e proviamo a trovare soluzioni e mezzi di trasporto alternativi come la bicicletta, le proprie gambe, i mezzi pubblici o le auto in condivisione.

Leggi tutto “Settimana europea della mobilità sostenibile 2012”

Cicicla contandina 2012 – domenica 17 giugno

Noi purtroppo non potremo partecipare alla critico-pedalata organizzata da Humus in Fabula che condurrà tra campi, cascine, aie e granai della nostra zona, ma speriamo di potervi segnalare questa splendida iniziativa in modo che, come è successo per l’Andersen Festival, possiate aderirvi in molti. E poi magari raccontarci com’è andata qui nei commenti…

criticopedalata ciclica contadina 2012

Di che si tratta esattamente?
‘Una pedalata per il territorio, i suoi campi, le sue cascine, le sue rogge, la sua terra, prima che i Maya ed Expo 2015 ce li portino via. Leggi tutto “Cicicla contandina 2012 – domenica 17 giugno”

Tempi di crisi

salvadanaio maialino“Non pretendiamo che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose.
La crisi può essere una grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi.
La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura.
E’ nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie.
Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato.
Leggi tutto “Tempi di crisi”

E’ solo un altro morto sul lavoro

 – E’ morto Simoncelli!
E chi cavolo è?!?
– Massì, il pilota di moto! 
Ah… boh.  ( e in fondo, chissene, questo a volte,  il mio grado di alienazione dalle cose del mondo, a cui si aggiunge una pressochè totale impermeabilità alle notizie sportive in generale e al gossip).

Però a sto punto un minimo di curiosità mi viene e una rapida googlata mi fa tornare alla mente il riccioluto campione erede – rivale – amico di Valentino Rossi, visto giusto un paio di volte in qualche servizio delle Jene.  Poi, giusto per dovere di cronaca (nera)  guardo un paio di volte il video della caduta fatale.  Un brivido,  un pò di umano dispiacere per la morte di un giovane ragazzo, e per la famiglia che ha perso il figlio,  ma tutto finisce lì.

Poi – come per la morte di Steve Jobs ( e qui non posso non citare Spinoza.itSe ne va il profeta del “pensare differente”. Su Facebook milioni di giovani lo ricordano impostando lo stesso avatar.) – ecco spuntare in facebook decine e decine di messaggi di cordoglio, saluto, commemorazione.  Leggi tutto “E’ solo un altro morto sul lavoro”

L’odio – nelle strade

Guidando attraverso la città semi-deserta sto ascoltando le rassegne stampa di Radio Popolare e Radio24.  Nella notte ci sono stati violenti scontri a Londra.  Sembrerebbe che dopo l’uccisione di un ragazzo da parte della polizia, migliaia di ragazzi, principalmente immigrati di seconda generazione, si siano riversate in strada in rivolta, scatenando una vera e propria guerriglia urbana.  Il pensiero inevitabilmente corre alle rivolte delle Banlieu parigine del 2005, anch’esse esplose in seguito alla morte di 2 ragazzi che stavano fuggendo dalla polizia.

Il lusso è un diritto
Il lusso è un diritto

Fermo ad un semaforo soffermo lo sguardo sull’enorme pubblicità di una macchina in cui un famoso attore mi ricorda che “Il lusso è un diritto”.   Il famoso attore è Vincent Cassel, che nel 1995 è stato uno dei 3 protagonisti del bellissimo film La Haine / L’odio.  Chissenefrega, direte voi: di film ne ha fatti tanti e anche molto più belli e famosi.  Leggi tutto “L’odio – nelle strade”