Come riutilizzare gli imballaggi in modo creativo

Lo so, la mia è quasi una malattia (il primo passo verso la guarigione è la consapevolezza però, no?), ma tendo a non buttare via niente, cercando il modo di recuperare o riciclare quasi tutto. Potevo dunque buttare quindi il materiale d’imballaggio di alcuni pacchi ricevuti prima di natale? Assolutamente no!

imballaggi

Alcune ‘patatine’ bianche di polistirene espanso si sono trasformate nei fiocchi di neve persi da Babbo Natale sul pavimento di casa nostra, mentre sistemava i regali sotto l’albero. Leggi tutto “Come riutilizzare gli imballaggi in modo creativo”

Come allestire un teatro delle ombre con i bambini

Il buio affascina e impaurisce un pò tutti i bambini: qualunque genitore si è trovato almeno una volta a dover consolare e rassicurare il proprio bambino mostrandogli che nella penombra della sua stanza non si nascondeva nessun mostro.
Spesso però non è quello che il buio non permette di vedere che spaventa i bambini, bensì quello che i loro occhi credono di vedere: cappotti appesi alle grucce che si trasformano in ladri assassini, giocattoli che spuntano da sotto il letto che sembrano braccia o mani pronte ad afferrarli…. qualche ombra e tanta immaginazione riescono a rendere tutto così reale da paralizzarli dalla paura.

come costruire un teatro delle ombre con i bambini

Ogni bambino vive queste paure in modo differente. Ricordo che Alessandro ha alternato periodi in cui aveva il terrore di restare al buio ad altri in cui non faceva che spegnere tutte le luci di casa, nonostante noi reclamassimo la luce per cucinare o per lavorare!
Ora è la volta del piccolo Federico, 3 anni, che ultimamente piange disperato ogni volta che si trova da solo (anzi scusate, con i mostri!) in una stanza buia.

Grazie a queste paure ho deciso di proporre ad Alessandro e Federico il gioco del teatro delle ombre. Leggi tutto “Come allestire un teatro delle ombre con i bambini”

Riscoprire il gioco di strada

Ieri, ad una festa per famiglie in un grande parco nel centro di Amburgo, Ale e Fede hanno ricevuto in regalo un piccolo kit per riscoprire il gioco di strada, contenente un gesso colorato e un piccolo elenco di giochi ‘da cortile’, come si faceva una volta, con l’ausilio di qualche sasso e di un pò di fantasia.

giocare in strada con i gessi

Io sono nata e cresciuta a Milano, negli anni ’80, anni in cui i bambini non giocavano ormai praticamente più – almeno in città –  in strada, come si faceva un tempo.
Ma in cortile sì, e il solo ricordo dei lunghissimi pomeriggi passati con i miei amichetti (amichette soprattutto) a giocare senza mamma e papà in un luogo protetto e sicuro mi riempie ancora il cuore.

Non avevamo scivoli o altalene, nè un parchetto recintato, ma avevamo la fortuna di avere a disposizione il cortile di un gruppo di palazzi dove transitavano poche macchine e dove c’era moltissimo verde.
Ricordo le gare con le biciclette o con i pattini a rotelle o le ore passate a giocare all’elastico e le divertentissime corse a nascondino: nonostante fosse severamente vietato calpestare l’erba, prato, siepi, cespugli e alberi erano perfetti nascondigli – tra di noi e dagli adulti che venivano a sgridarci! ;D

Leggi tutto “Riscoprire il gioco di strada”

Kit di corsa con i sacchi fai da te

La corsa dei sacchi è un gioco antichissimo (in internet ho scoperto che nel 1904 si tenne addirittura una gara di corsa nei sacchi ai Giochi Olimpici Estivi, pur non essendo uno sport olimpico) e che diverte un sacco soprattutto i più piccoli. Con piedi e gambe infilati in un sacco bisogna saltellare per arrivare primi al traguardo: un gioco semplice e facile da organizzare, adatto dai bambini dai 4 anni in su.

corsa dei sacchi equazioni

Un’amica qui in Germania mi ha chiesto di cucire un kit di corsa con i sacchi per la festa di compleanno di sua figlia, nonchè compagna di Kita di Fede!  Leggi tutto “Kit di corsa con i sacchi fai da te”

Costume da cavaliere

Far scegliere a un bambino di quasi tre anni il costume che la sua mamma dovrà cucirgli per carnevale è un’impresa a dir poco folle: inventerà personaggi dalle caratteristiche più irriproducibili o, più semplicemente, cambierà idea non appena la mamma avrà trovato il tutorial giusto per iniziare….

costume da cavaliere fai da te

Io ci ho provato con Federico che a fine mese festeggerà una festa di carnevale in maschera al kita, l’asilo.
Senza stare ad elencarvi gli strambi personaggi inventati dal piccolo Fede, vi dico subito che ho accolto con gioia l’idea di un cavaliere. Perche’ io amo le sfide, ma non sono per nulla folle!

Leggi tutto “Costume da cavaliere”

Gli animali che vivono nelle regioni polari

Ogni tanto dopo aver fatto colazione insieme ai bambini, specie nelle giornate in cui al mattino il sole splende già alto nel cielo, capita che io decida di non portare Ale alla scuola materna.

Perchè? Perchè sebbene per svariate ragioni per il momento abbiamo scelto di non fare homeschooling mi piace l’idea di potervi dedicare alcune giornate. E infatti Ale sa che non si tratta di giornate di vacanza, bensì di ‘scuola a casa’, in cui io non sono più semplicemente la mamma, ma divento la mammaestra.

animali che vivono al freddo

E durante queste giornate facciamo qualcosa di speciale, qualche attività o quelche gioco in cui oltre a divertirci impariamo tutti insieme qualche cosa di nuovo (anche per me c’è da imparare visto che prima di ogni attività cerco sempre di documentarmi!)

Leggi tutto “Gli animali che vivono nelle regioni polari”