‘Mamma, oggi alla cena #cipensoio !’

Cucinare è un’attività divertente e appagante, ma nella quotidianità, almeno per quanto mi riguarda, si trasforma spesso in un mero dovere che toglie tempo ad altre attività delle quali preferirei di gran lunga occuparmi! E se nel weekend ci si può permettere di sperimentare nuove ricette, durante la settimana il tempo è contato e bisogna organizzarsi per ridurre al minimo indispensabile i tempi di preparazione e di pulizia post-cena.

Sarà quindi colpa della monotonia quotidiana o del mio essere talmente assorta da altre attività come la lettura di un libro o il cucire a macchina, ma spesso mi capita di non sentire la fame e soprattutto di dimenticarmi dell’ora di cena. A riportarmi alla dura realtà ci pensano però sempre i miei figli con il loro squillante e puntuale “Mammaaaaa, ho fame! Tra quanto si mangia?!”

quando i bambini preparano la cena
Immaginatevi dunque la sorpresa quando Ale una sera mia ha detto “Mamma non ti preoccupare, oggi alla cena ci penso io! Anzi, ci pensiamo noi, vero Fede?” Magari avessi potuto lasciare che alla cena ci pensassero loro!!! Ringraziandolo gli ho detto che avrebbero potuto aiutarmi ad apparecchiare e, perchè no, anche a cucinare, ma preparare la cena, a 6 e 3 anni, non era certo possibile. Non avevo nemmeno finito di pronunciare la frase che ho visto i suoi occhi rabbuiarsi “Ma io so cucinare! Me lo dici sempre anche tu!” Ops, fregata…  ma come potevo fargli capire, senza farlo sentire piccolo e incapace, che preparare una cena era una cosa ben diversa?! La loro voglia di aiutarmi mi ha però costretta a fermarmi a pensare se davvero non ci fosse una soluzione. E quel che segue dimostra di sì!

Ci siamo seduti quindi sul divano e, insieme, abbiamo studiato un piano d’azione.  Innanzitutto ci servivano delle ricette in cui cottura ed utilizzo di utensili taglienti o pericolosi fossero ridotti al minimo. Ho lasciato così che aprissero frigorifero e credenza e facessero le loro proposte. Una volta stabilito il menù e preparati gli ingredienti e gli utensili necessari si sono messi al lavoro.

Alessandro si è occupato della preparazione di pomodori e mozzarella, come vi ho raccontato in un precedente post.

Federico invece ha preparato una mousse con formaggio spalmabile, prosciutto cotto e noci.

 bimbi in cucina - mousse formaggio

Ai bambini piace moltissimo usare il minipimer e l’operazione, nel momento in cui non toccano la lama o la presa della corrente, è sufficientemente sicura perchè possano eseguirla in autonomia.

bimbi in cucina - mousse formaggio e prosciutto

Dopo aver tritato il prosciutto e le noci Federico li ha travasati in una ciotola e ha aggiunto il formaggio spalmabile, mescolando fino ad amalgamare tutti gli ingredienti.

 bimbi in cucina - l'assaggio

In qualità di cuoco Federico non dimentica mai l’importanza dell’assaggio finale, effettuato in questa occasione mentre spalmava la mousse sul pane, prima di disporlo sul piatto di portata! E dopo aver ricordato a mamma e papà di lavarsi le mani Ale e Fede hanno anche apparecchiato la tavola!

Quanto vi ho raccontato è la dimostrazione che spesso con un pò di collaborazione e di creatività è possibile affrontare con serenità i problemi della quotidianità familiare. Ed è la dimostrazione che le soluzioni migliori, alle volte, sono opera dei più piccoli!

Ma io non sono certo la prima nè l’unica (per fortuna!) a sostenere l’idea che il problem solving è un’arte che va imparata fin da piccoli: Bama, un’azienda italiana che produce articoli per la casa e per il giardino, in occasione del suo trentennale ha deciso di promuovere nelle scuole primarie il progetto ‘Ci penso io’, un percorso didattico che invita i bambini a ideare e mettere in pratica soluzioni originali e creative, imparando ad affrontare tutti le fasi che comporta lo sviluppo di un progetto.

Chissà che dopo aver letto questo post non decidiate anche voi di lasciare che i vostri figli preparino la cena! E se state pensando che nel mio caso questo non mi ha comunque permesso di dedicarmi alle mie attività preferite… lo ha fatto eccome, visto che tra le mie passioni vi sono anche la fotografia (e quali soggetti migliori dei propri figli!) e il mio blog!

{Post sponsorizzato – Bama #cipensoio}

Un pensiero riguardo “‘Mamma, oggi alla cena #cipensoio !’”

  1. If you have an election related issue you’d like to see explored, please let me know.
    In fact, a great many goal-based writings are geared towards improving
    businesses at the bottom line in terms of increased efficiency, increased productivity, etc.
    Ben dreams about being an athletic coach and his rather solitary, sedentary life
    makes him feel weak and angry.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *