Viaggiare con i bambini in aereo

Alla fine del conto alla rovescia è arrivato il giorno della partenza: io, Ale (5 anni), Fede (2 anni e mezzo), 3 trolley, 2 zainoni da trekking, due fasce portabebè equazioni (e nessun passeggino!!) la scimmietta Painting e Peter Rabbit saremmo saliti su un aereo con destinazione Amburgo.
Ma viaggi in aereo da sola con due bambini??!!’
Questa la domanda più comune che mi sono sentita porre da conoscenti, amici e parenti che sapevano che Davide ci stava attendendo in terra straniera!

bagagli pronti per l'espatrio

Certo, non avevo la certezza assoluta che tutto sarebbe filato liscio, ma l’impresa che ci attendeva non mi agitava più di tanto.
I bambini erano a dir poco elettrizzati all’idea di dover salire su un aereo e io ho approfittato della situazione a mio favore cercando di responsabilizzarli assegnando loro dei piccoli e precisi compiti da grandi.
Innanzitutto i bagagli: decisamente troppi perche’ potessi portarli tutti io e dopo il check-in i carrelli dell’areoporto non sono ammessi….

bambini e bagagli in areoporto

Non vi dico la loro gioia quando ho incaricato entrambi di trainare un trolley: così nello stupore generale i miei due piccoli viaggiatori si aggiravano per l’aereoporto ognuno con il proprio bagaglio a mano!

L’unica mia preoccupazione, viaggiando con ryanair era quella di non trovare 3 posti vicini sul volo e così ci siamo concessi il lusso di acquistare l’imbarco prioritario: salendo per primi sull’aereo avremmo avuto la possibilità di sederci uno accanto all’altro scegliendo e ci siamo evitati una lunga (e noiosa!) fila per l’imbarco.
Invece di inseguire i bambini per l’areoporto con l’occhio ai nostri bagagli in coda Ale e Fede hanno seguito, incollati alle finestre, decollo e atterraggio di TUTTI gli aerei!

bambini all'aereoportoIl divertimento però non è mancato nemmeno ai nostri compagni di volo che hanno potuto assistere gratuitamente ad uno dei meravigliosi spettacoli dei miei figli….

volare in aereo con i bambini

nel mio totale imbarazzo!!!

Dopo il controllo delle carte d’imbarco si è verificato però ciò che temevo: per raggiungere l’aereo dovevamo scendere da una lunghissima scalinata! Io ero pronta a portare due trolley caricando Federico nella fascia, ma Ale non sarebbe riuscito a scendere trascinando un trolley di 10 kg! Per fortuna non ho nemmeno fatto in tempo a chiedere aiuto che già qualcuno si era offerto di aiutarci!

viaggiare in aereo con i bambini senza passeggino

Una volta scesi dall’aereo, ancora con l’eccitazione del volo addosso, ho caricato i bimbi su un carrello in attesa di ricevere i bagagli imbarcati. E per fortuna sono riuscita a trattenerli nei diversi tentativi di fare un giro sul nastro trasportatore!

viaggiare con i bambini - aereoporto

ritiro bagagli in aereoporto

Il nostro viaggio però non era ancora terminato: un pullman ci ha portato dall’areoporto di Lubecca fino ad Amburgo dove finalmente abbiamo potuto riabbracciare il nostro papone!

consigli per viaggiare in aereo con i bambiniUn viaggio lungo e stancante per due bambini ma molto, molto divertente ed emozionante!!

E voi avete mai viaggiato in aereo con i bimbi? Quali strategie avete adottato per non perderne qualcuno in aereoporto o per non dover impazzire ad inseguirli sulla pista d’atterraggio?

15 pensieri riguardo “Viaggiare con i bambini in aereo”

  1. Che esperienza! Sicuramente un ricordo indelebile per i piccoli! Veramente non so come me la sarei cavata… conoscendo Elena sicuramente sarebbe stata abbarbicata nella fascia per tutto il tempo… altro che trasportare un trolley…

  2. Che bello!!! e quanto vi capisco! anche io quando viaggio con loro sono sempre iper organizzata, a volte troppo e appena mi si scambiano di posto i libri nello zaino vado in panico! aiuuuuto! calma e sangue freddo. beh, non siamo poi cosi’ lontani dai! anche noi nel freddo (naggia) nord europa!

  3. Super!! Fate sempre venire voglia di provare TUTTO con i bimbi!!! Perché a volte basta davvero buttarsi… e nella maggior parte dei casi va alla grande..! Bravi!!!

  4. E’ sempre bello leggere questi articoli,e complimenti a te che hai saputo gestire il tutto.
    Io devo affrontare, fra non molto,un viaggio sola con con 3 bambini di 6,5 anni e 9 mesi verso Berlino. :)

    1. Irene secondo me il ‘trucco’ è dar loro fiducia e permettergli di aiutarci. Se sentono che crediamo in loro farebbero di tutto per non deluderci. Vedrai che andrà bene. Poi torna a raccontarci come è andata!

  5. Ciao Famiglia Equazione! Complimenti per la gestione del viaggio. Con 2 piccoli non credo sia facile. Io con mio piccolo abbiamo gia’ fatto diversi voli. Prima dei suoi 3 mesi siamo andati in Inghilterra, poi di nuovo Inghilterra con 5 mesi e ero da sola, sono persino andata in bagno con lui nella fascia. Poi la grande sfida: andare in Brasile (3 voli andata, 3 voli ritorno) 24 ore tra voli e attese in aeroporti, Ma ero con mio marito e mio piccolo aveva 8 mesi, ha dormito quasi tutto il tempo, e mi sono sempre aggirata con la fascia. Poi siamo venuti a vivere negli USA, altri 2 voli. Adesso a settembre siamo andati in vacanza in Italia, altri 2 voli, ma avevo il passeggino leggero che ha fatto il suo lavoro, perche io sempre viaggio senza bagaglio a mano, solo la mia borsa con qualche gioccatolo. Mio figlio lo allato al seno e gioca con qualsiasi cosa. Adesso che cammina e’ piu dificile di farlo stare fermo ma lui e’ bravo e lo porto a fare 2 passi nel retro dell’aereo, In alcuni aerei hanno persino la culla per i bimbi, mio figlio dorme li meglio che un adulto in prima classe.

      1. Mah! Nel mio caso e’ facile perche mio figlio non ha bisogno di biberon e pappe, mangia quello che ci danno nell’aereo e il mio latte, se il viaggio e’ lungo compro nel aeroporto della frutta fresca, non la puoi portare di casa (io ho portato una volta dei mirtilli e non mi hanno detto nulla, ma preferisco fare la cosa giusta). Evito il bagaglio a mano troppo ingrombrante. E per i viaggi lunghi, provo a dormire bene la notte prima della partenza, perche nel aereo solo dormi quando dorme anche il bimbo, e anche cosi io dormo male. Quando siamo venuti qua negli USA, mi sono presa la cura del mio bimbo da sola nel aereo per permettere al mio marito di riposare, perche dopo lui doveva ancora guidare 2 ore per arrivare a casa. E non aver paura di chiedere aiuto, sono sempre gentile con una mamma in dificolta’, sia gli altri passeggeri che il personale di bordo. Ma e’ como hai detto tu: fai con che sia un gioco per i bimbi, loro si divertono e si stancano tanto con le novita’.

      2. Ah! Volevo chiedere, ho visto nella foto che i tuoi bimbi sono legati nell aereo con una fascia diversa dal solito, hanno datto loro o hai portato tu?

  6. Brava! Ma non ci hai raccontato come è andata proprio sull’aereo!
    Io ho volato da Olbia a Genova con mia figlia di 4 anni e avrei voluto avere dello scotch da pacchi per insalsicciarla e tenerla ferma!!! A parte il momento del decollo e quello dell’atterraggio, che le sono piaciuti “Mamma lo rifacciamo??!” per il resto per lei era come essere sul bus. Per cui una volta tolte le scarpe era in piedi sul sedile a saltare, appendersi allo schienale davanti, opppure in corsa per il corridoio schivando i carrellini delle hostess… Insomma, un delirio!!!
    E dire che avevamo il librino, il giochino, il pupazzino…!
    Mi piacerebbe fare dei viaggi un pò più lunghi, ma in queste condizioni penso che dopo un pò il personale di bordo mi proporrebbe dei tranquillanti per la bambina!!!

  7. Ciao…emozione e una punta di orgogliosa soddisfazione…quando riusciamo a vivere bene con i nostri figli un momento complesso. Io in aereo non sono mai salita n’è da sola n’è con Dav e Dig..ma insieme a loro ho fatto un viaggio in treno..Dav 5 anni e Dig 2 anni.. Ricordo che il momento più difficile è stato andare i bagno.. Passare tra la gente stipata (era la linea Milano/tirano in ora di punta) con due bambini e lo zaino..e poi entrare in quel bagno così piccolo con tutti e due..alla fine ero stremata ma soddisfatta mentre i bambini erano elettrizzati..
    Quindi immagino te!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *