Il galateo dei piccoli

Da quando è nato Federico il galateo non è più di casa durante i pasti di famiglia.

federico e la pappa

Già perchè se con Ale il problema più grosso riguardava chi poteva avere la parola per primo per raccontare gioie e dolori della propria giornata (siamo degli instancabili chiaccheroni), da quando Fede è ospite alla nostra tavola i pasti si sono trasformati in vere e proprie imprese!

ale mangia seduto al seggiolone

Federico ama mettersi comodo, ovvero con i piedi sul pianale del seggiolone oppure guardarsi attorno roteando come una trottola, ma il più delle volte vorrebbe semplicemente mangiare stando dritto in piedi sul seggiolone.

E se noi carichiamo troppo di attenzioni Federico per cercare di evitare di fargli incastrare i rebbi della forchetta nelle narici, ovviamente Ale, che in fondo ha solo 4 anni, inizia il suo piccolo show che comprende imitazioni del fratello che lancia il cibo, discorsi incomprensibili o specie di mantra ripetuti all’infinito ad un livello di voce decisamente troppo elevato o sali e scendi dalla sedia con andirivieni dal bagno.

federico mangia con la forchetta a 14 mesi

Sappiate che il fatto che stiate ridendo non mi è di conforto quindi preparatevi a raccontare nei commenti almeno una situazione tragicomica al pari delle nostre!!

Ma quando riesco ad accumulare più ore filate di sonno del solito, alle volte sono ancora in grado di comportarmi meno da mamma (che si spazientisce se le cose non filano nel verso giusto dimenticandosi della legge di Murphy) e più da educatrice (che semplicemente prevede situazioni rischiose e le previene con piccoli adattamenti) e a mettere Federico nelle condizioni di comportarsi da piccolo Lord. Bè, quasi.

Ed è così che qualche giorno fa si è svolto un tranquillo pranzo mamma-figlio a casa Equazioni di cui vado molto orgogliosa:

il galateo dei bambini

bambino che mangia seduto a tavola

Federico è stato seduto quasi tutto il pranzo sulla sua sedia e ha mangiato senza troppi disastri infilzando con la forchetta il cibo nel piatto

a tavola con i bambini

o prendendolo con le mani.
Grazie alla tovaglietta montessoriana cercava persino di rimettere il bicchiere al suo posto.

Ecco, cercava, ma non sempre ci è riuscito. La tentazione di spostarlo in continuazione è sempre forte….

il bicchiere nel piatto

E pure quella di rovesciarne il contenuto per terra!!!

bambino rovescia l'acqua a tavola

[ad#banner_link_468x15]

Ed ora a voi la parola. Che qui bisogna per forza sdrammatizzare un pò!

23 pensieri riguardo “Il galateo dei piccoli”

  1. Mio figlio (2 anni e mezzo) quando mangia sembra un tarantolato seduto su una sedia di spilli: non sai quante volte è caduto per terra durante i pasti! La sua posizione tipica è seduto sulla sedia con le gambe in spaccata, poi pian piano a forza di muoversi inizia a pendere di lato fino a cadere!
    Non avendo la tv 😉 durante i pasti spesso ascoltiamo musica, e allora oltre a quello raccontato sopra vuoi non fare anche un bel balletto tipo danza del ventre? Per fortuna si riesce quasi sempre a buttarla in ridere 😀

  2. ahahah! mi è venuto da ridere (scuasamiiii!) a pensare alle scene a tavola di federico…comunque questa è la dimostrazione che, nonostante gli sforzi di noi genitori, ognuno di no, già da quando cresce, ha il suo carattere! cerco si possono smussare alcuni angoli ma…nn tutti!
    purtroppo x voi, cristian, grossi disastri a tavola nn ne ha fatti….
    però posso dirti che, qualche mese fa cristian, mentre io cucinavo ) fabio nn c’era, ha pensato bene di usare i pennarelli, nn sui fogli di carta da riciclo che usa sempre (e che io con tanto amore porto a casa!) ma…..sul muretto vicino alle scale!!!! Sgrunt!!! Certo era abbastanza un opera d’arte ma….è comunque un disastro!!!!!! :(((((((

  3. oh ne avrei da raccontare! facendo autosvezzamento abbiamo saltato la fase delle pappine ma ha iniziato ad approcciarsi al cibo verso i 6-7mesi e cioè nel pieno della fase “studio della forza di gravità”. Quindi una cosa finiva nella sua bocca e 4 per terra! Ora che ha 16 mesi va meglio, mangia con la sua forchettina o con le mani ma ancora oggi quando non ne vuole più….fa che lanciare direttamente il piatto per terra!

    1. uh anche noi siamo di lanci….e con carica. il braccio di fede si inarca all’indietro fino ad un punto in cui il tuo non arriverebbe sicuramente mai senza uno strano crock e poi parte a tutta velocità con mano armata fino a sferrare il colpo!

  4. ahaahahhaha posso quotare tutte:
    trottole, cibo per terra, mani e piedi ovunque ecc
    ma mda mamma di una seienne vi rassicuro dicendo che ad un certo punto-e non te ne accorgi!!!-si siede a tavola un piccolo lord (o lady nel mio caso…) senza bavaglini, composti, e perfetti ospiti!!
    tutto questo semplicemente aspettando, accogliendo i propri limiti-e farglieli presente a volte!-ed una bella tovaglia di plastica!

  5. tutto pronto per la pappa!
    appoggio il piatto con la minestra sul tavolo e mentre mi giro per cercare Bagigio e metterlo sul seggiolone, lui -con un dribbling che neanche gli europei- mi gira alle spalle e tira giù la tovaglia dal tavolo per vedere cosa c’era nel suo piatto!
    altro che mantra: improperi a denti stretti

  6. Nonostante l’autosvezzamento Achille é di indole (e di nome) abbastanza pacifica e mettendo un paio di giornali a terra non abbiamo mai avuto la casa imbrattata.
    Una cosa però te la dico spontaneamente: Fede é talmente bello, talmente dolce e simpatico che non può che essere un ribelle, sarà un artista e farà grandi cose! 😉

  7. Eccomi, eccomi! Mi hai tolto l’articolo dalle dita, battendomi sul tempo visto che stavo meditando di farne uno sulla super-birba Elena (17 mesi)! Dunque ecco le nostre chicche:
    – mangiare in piedi sul trip-trap, o anche seduta sul poggia-schiena guardandoti con aria di sfida e facendo no-no col dito
    – lancio di tutto ciò che è in chicco (che da noi è quasi la norma) sul pavimento
    – rovesciamento del bicchiere con seguente sceneggiata a mani aperte tipo dire “Chi sarà mai stato?”
    – furto del piatto della sorella e rovesciamento anche del suo piatto con conseguente arrabbiatura della prima
    – lancio del cucchiaino pieno di cibo nel bicchiere della sorella
    – sbricciolamento di grissini e/o pane e/o crackers nel bicchiere e successiva spalmatura sulla tovaglia
    – scendere dalla propria sedia e urlare finchè non si è seduta al posto di Alice o al suo fianco
    Giornali sul pavimento che funzionavano con Alice, assolutamente inutili con Elena, riesce a oltrepassarli senza problemi, anzi va diretta al muro!
    Dal canto suo Alice (4 anni) un po’ la guarda schifata, un po’ la imita, un po’ la manda via e un po’ la chiama…
    Insomma sei in buona compagnia…
    PS: ogni tanto per avere tregua preparo il tavolino piccolo solo per loro due, solitamente va un po’ meglio…

    1. daria tu si che sai usare le parole giuste, anzi, i perfetti disastrosi esempi!!!
      stessa differenza di età e…insomma alle volte leggere le vostre disavventure mi fa pensare a dei dea vu ;P

  8. eh eh, avete anche la mia compagnia, se margherita che adesso ha 4 anni ha sempre mangiato seduta buona buona e sorridente, daniele 2 anni è tutto l’opposto.
    anche lui mangiava in piedi o seduto sullo schienale dell’alza sedia, saliva sul tavolo, anche lui spargeva di tutto, spremeva il cibo con le mani e lo lanciava….
    abituati con marghe inizialmente questa cosa che mangiava in piedi non ci andava giù, dopo vani tentativi di metterlo seduto l’abbiamo lasciato fare e dopo qualche mese finalmente da solo si è messo seduto! una conquista! ho capito che inizialmente in piedi riusciva ad arrivare meglio al piatto. adesso “manipola” meno il cibo, io l’ho lasciato sempre fare, capisco che per loro è una scoperta a tutto tondo, ma a volte è difficile, soprattutto quando ci aspettiamo (sbagliando) che il “grande” che sa già mangiare da solo “collabori” ed invece in preda alla gelosia… quindi dopo un lungo periodo difficile in cui alla fine daniele ad un anno mangiava da solo quello che voleva con i relativi disastri ed io mi ritrovavo ad imboccare marghe di 3 anni…, ho deciso di farli mangiare separatamente, prima il piccolo e poi la grande, così potevo dedicarmi ad uno per volta, questo mi ha aiutato molto, adesso che hanno 4 e 2 anni va molto meglio, certo daniele quando decide che ha finito si alza e se ne va…., ma sono convinta che a poco a poco capirà e spero avrà piacere a rimanere a tavola con noi :)

    1. evvai dona! aspettavo un tuo piccolo resoconto… mi hai sempre tirata su di morale tu anche se a dire il vero, ecco sapere che tra x mesi andrà meglio….aiuto! ci arriveremo?
      scherzo è che per quanto solitamente io mi trovi dall’altra parte, da quella che dispensa consigli alle mamme in difficoltà… alle volte con una scarsissima dose di sonno alle spalle è difficile ascoltare i consigli giusti!

  9. Fabio (27 mesi) mangia seduto di 3/4 sul trip trap, con gomito appoggiato allo schienale, quasi fosse ad un aperitivo.
    ovviamente con le mani.
    e ovviamente non sempre centra la bocca.
    e, se si stufa di star seduto, si sdraia direttamente sul tavolo.
    e ovviamente chissenefrega se davanti ho ancora un piatto pieno di cibo o un bicchiere pieno di acqua…
    oppure, altro divetimentone che manda in furia il papà, rovesciare l’acqua del bicchiere nel piatto e fare una specie di “zuppetta” da mescolare e sorbire rigorosamente con le mani (o, in momenti di estrema finezza, direttamente dal piatto a mo’ di scodella)…che rigorosamente finisce spalmata su tavolo, seggiolone, vestiti, pavimento, mamma e papà.
    non so, spero vi possa essere un po’ di conforto!
    Ire

  10. ahahaahah ma cosa posso aggiungere! dovrei ripetere tutti gli altri commenti!!! 😀
    la tovaglia di platica sopra a quella di stoffa mi ha aiutato parecchio, perchè tutto si pulisce bene e presto. l’acqua nei bicchieri cerco di metterne poca e semai riempio spesso.
    ai miei piace anche mangiare sugli scalini di casa-fuori all’aperto-op in giardino o ancor meglio a casa degli altri!
    quando ho potuto ho cercato di rispettare le loro decisioni: basta bavaglino, avere il coltello, bicchieri di vetro ecc…
    però a casa nostra non è un problema se si alzano quando hanno finito di mangiare, che non significa avere il piatto pulito…

    1. eh daniela, un conto però è alzarsi quando han finito…. un altro è mangiare in piedi sul seggiolone armato di forchetta….. non è tanto questione di galateo o di pulizie…. ma di evitare di finire al pronto soccorso! 😀

  11. io ho due femmine di 3 anni e 6 mesi…ma la storia è più o meno la stessa!
    Adesso che la piccola inizia con le pappe, la grande ne imita i disastri ….con esiti direi catastrofici!
    Ridiamone su, perchè in fondo sono ancora molto piccoli 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *