Cubi da infilare fai da te

10 Aprile 2011. Un anno fa. Il mio pancione è ormai quasi alla fine del suo viaggio ma io vorrei ancora avere un pò di tempo per qualche ultimo progetto, come questo gioco che ho costruito come regalo per il piccolo Ale: i cubi colorati da infilare.

tutorial per realizzare dei cubi colorati da infilare

Per prima cosa ho bucato con un trapano una cinquantina di cubetti di legno naturale. Possono essere di qualsiasi dimensione. Quelli che ho usato io sono 1,5×1,5 cm circa.

Una volta terminato tutti i buchi ho passato i cubi con la carta vetrata per essere sicura che non vi fossero schegge.Poi armata di colori e pennelli ho iniziato a dipingerli uno a uno: giallo, blu, verde, azzurro, rosso, bianco…

come fare dei cubi colorati da infilareE il piccolo Ale, a cui non avevo spiegato a cosa sarebbero serviti quegli strani cubetti, mi ha aiutato nel mio lavoro

ale mi aiuta a colorare i cubi

[ad#banner_link_468x15]

Ma ben presto Ale ha preferito usare i cubi per altri giochi più divertenti

tutorial per realizzare cubi da infilare

lasciando a me il compito di terminare di dipingere i cubi.

pennello e cubo

Una volta asciutti tutti i cubi li ho riposti una sacchetta cucita a macchina e ho aggiunto un paio di lunghe stringhe per infilarvi tutti i pezzi.

Facendo un grosso nodo ad un’estermità della stringa si può semplificare il gioco ai bambini più piccoli facendo in modo che i cubi non si sfilino.

[ad#banner_misto_468x60]

E i vostri bimbi hanno il gioco dei cubi o delle perle da infilare? A che età li hanno usati? Li avete ascuistati o li avete realizzati voi a mano?

15 pensieri riguardo “Cubi da infilare fai da te”

  1. Noi abbiamo trovato delle bellissime perle in legno in un negozio che vende articoli usati per bambini e le abbiamo prese al volo, sia per la loro versatilità sia per il prezzo irrisorio :)

  2. ma quanto sei brava? ogni volta che sono un po’ giu’, che mi sembra di non avere idee o che mi sembra di fare sempre le stesse cose vengo qua a sbirciare e c’è sempre qualcosa che mi fa tornare addosso la voglia di fare e sperimentare!
    yuppi!

    1. elena ‘l’erba del vicino è sempre più verde!’
      anche a me sembra sempre di non avere idee e di non riuscire sempre a metterle in pratica…. sono sicura che anche tu sei sempre all’opera! anzi,….suggeriscimi anche tu!!

  3. E pure lo so. E ci vengo lo stesso a sbirciare. Uffffffffffaaaaaaaaaa
    Non ho bisogno di idee, ho bisogno di qualcuno che mi raddoppi il tempo e soprattutto mi raddoppi le energie!!
    Lo so che tutte le volte che “entro” a casa equazioni qualcosa poi devo combinare, come fare a non prendere spunto da questa fantastica miniera di idee??
    Anche io li avevo trovati già fatti ma il prezzo NON era irrisorio e ho lasciato perdere, ora invece si può riconsiderare la cosa grazie al fantastico mondo del fai-da-te o come è più chic DIY! ahahh
    Grazie mille Fra per questa e altre favolose idee

    Francesca

  4. Ma sai che giusto poco tempo fa pensavo di comprare questo tipo di gioco perche’ e’ molto utile per la motricita’ fine e l’esercizio oculo-manuale (a detta dei “tecnici” psicomotricitisti) e avevo anche trovato un bel sacchetto di perle/cubetti di legno colorati, peccato che…… il prezzo si aggirava intorno ai 18 euro!!! Mio marito mi ha fatto ragionare e mi ha proposto di costruirmeli lui per pochi spiccioli di euro, utilizzando il trapano e magari anche colorando i cubetti.
    Per ora pero’ non abbiamo ancora creato niente perche’ ci siamo accorti che con una spesa nulla nostra figlia (tre anni e mezzo) si diverte ad infilare le stringhe direttamente dentro ai fori delle scarpe del papa’… Magari non e’ proprio la stessa cosa pero’ l’idea di utilizzare la stringa c’e’, e pure l’esercizio oculo-manuale / motricita’ fine e tutta quella roba lì, vero?

    Poi pero’ mio marito ha inventato un’altro giochino con dello scarto di legno che aveva in cantina.
    Una tavoletta di legno spessa circa mezzo centimetro. L’ha forata in diversi punti, magari se si vuole prima disegnare qualcosa di carino ma grande come una farfalla o un fiore e colorarlo pure (noi non l’abbiamo fatto…) e alla fine, il bimbo in questione deve passare una stringa dentro ai fori, sopra e sotto, stile “operazione cucito”… e creare un bordo di stringa intorno a una figura o semplicemente a caso, dentro i fori sparsi.
    Nostra figlia si diverte un mondo, dice che vuole imparare a cucire… pero’ non segue ancora un filo logico nel far passare la stringa nei fori ma va a casaccio…
    Anche per quello comunque, sono soldi risparmiati e volendo si fa davvero un bel lavoretto. Noi per ora ci siamo limitati all’essenziale senza perfezionare il gioco con i colori.

    Per concludere: i giochi di legno sono bellissimi ed educativi ma costano una fucilata! Avere la possibilita’ di costruirseli da soli e’ un gran vantaggio!

    Tu sei stata proprio brava!

    1. grazie emanuela e…complimenti al papà che mi sa che è anche molto più bravo e volenteroso di me!
      il gioco che avete costruito (si può trovare anche in commercio ) è davvero utilissimo. non ha importanza che tua figlia segua un ordine nell’infilare la stringa. se vuole cucire ci sono moltissimi libri che spiegano come far fare il punto croce ai bambini anche se forse ora è ancora presto!
      io ho costruito un gioco simile al vostro ma a partire da un bastone. riuscire ad utilizzare gli scarti che si hanno a disposizione oltre che economico per me rappresenta sempre una sfida creativa!

      infilare le stringhe nelle asoline delle scarpe è decisamente più difficile quindi….bravissima! e in questo modo imparerà prima anche ad allacciare e slacciare da sola le scarpe!
      anche per le allacciature esistono materiali già pronti in commercio ma si possono trovare moltissime soluzioni per il fai da te. cercherò di postare al più presto il tutorial del mio giochino per imparare ad allacciare le stringhe

    2. emanuela hai assolutamente ragione. i giochi in legno hanno dei prezzi decisamente alti, alle volte addirittura proibitivi.
      però a ben pensare il legno è un materiale qualitativamente migliore della plastica e i costi – quando non sono invece dovuti al marchio che li produce – sono quasi sempre giustificati.
      il legno trasmette al bambino delle sensazioni tattili, olfattive, gustative, sonore che la plastica non darà mai.
      il legno è un materiale durevole e i giocattoli costruiti con questo materiale spesso, al contrario di quelli in plastica, possono essere passati tra fratelli e addirittura da genitori a figli.
      il legno è un materiale che con maggiori probabilità non contiene sostanze tossiche per i bambini
      insomma, alle volte, nonostante il costo, ne vale la pena.
      certo che se si ha la fortuna di avere la manualità per costruirsi dei giochi in legno…. ;P

  5. A mio figlio ho preparato con le mie mani una cosa molto meno professionale: all’inizio ho dipinto delle mezze penne con i colori a dita, ma poi sono passata a fare dei cilindri col cartone, sempre dipinti e con delle stringhe da scarpe per infilare. Ci gioca da uqando ha 18 mesi, ora li fa ad occhi chiusi, tanto che prevedo di passare ad usare il filo da pesca la prossima volta.

    1. bè in fondo ai bambini poco importa se quello che costruiamo è professionale: l’importante è che sia utile e che li faccia divertire e la tua soluzione è semplice economica e facile da realizzare oltre che alla portata di mano di tutti!
      se si usa la pasta bisogna solo stare attenti a controllarla periodicamente (anche se i bambini sono ‘grandi’ potrebbero ugualmente mettere in bocca piccoli pezzi di pasta rotta, molto pericolosi) e a supervisionare l’attività e a scegliere il tipo di pasta giusto: chiara ha scelto bene le mezze penne – non a caso era educatrice!! – e non le penne lunghe perchè ai primi tentativi in queste ultime sarebbe state difficile far entrare ma soprattutto uscire la stringa provocando così una grande frustrazione nel bambino.

  6. ciao francesca, intanto complimenti per il tuo sito, trovo sempre mille spunti su come realizzare giochi o piccoli progetti…sai sono una psicomotricista e non sempre è facile convincere il datore di lavoro ad acquistare materiale nuovo così ho sempre pensato che costruendolo avrei avuto maggiori opportunità di far sperimentare i “miei” bambini…da sempre sono alla ricerca di perle grandi da infilare ma nei negozi i prezzi sono proibitivi e dovendole comprare per il lavoro non ho mai avuto quel qualcosa che mi spingesse a spendere così tanto…ma adesso grazie al tuo tutorial non vedo l’ora di mettermi all’opera, quindi avrei alcune domande da porti….per primo dove hai trovato i cubetti di legno???e poi che colori hai usato per dipingerli? grazie mille!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *