Alti e bassi

Un blog come il nostro è un diario pubblico.  Un modo per tenere traccia dei propri pensieri, della propria storia quotidiana, per raccontarsi e per condividere sogni, ideali, successi e fallimenti. Un blog come il nostro è una passione, ed una esigenza, a cui si dedica (volentieri) buona parte del proprio tempo libero. Un blog come il nostro è scritto da persone, da esseri umani alle prese con la vita di ogni giorno.  E la vita di ogni giorno porta con sè alti e bassi. Giornate in cui ci si sente invincibili, pieni di energie, in cui ci si sente in grado di poter fare qualsiasi cosa si abbia in mente e ci si fa in quattro per farla.  E giornate in cui tutto sembra andare storto, in cui tutti i sogni e i buoni propositi sembrano irrangiungibili.  Giornate in cui si perde fiducia in quello che si sta facendo, si ridimensiona il valore del proprio operato, e in cui tutti i propri sforzi sembrano vani.

famigliaUltimamente è un periodo di bassi, con i problemi alla scuola di Ale, i problemi al lavoro della Frà (prossima alla scadenza dell’aspettativa per maternità) e con Federico che – dico sempre per sdrammatizzare, è nato per smentirci in tutto ciò che abbiamo “professato”su questo blog per 3 anni ed è il risultato di tutte le “gufate” che devono averci tirato migliaia di mamme dopo aver letto i nostri post su allattamento, Estivill, EC,  autosvezzamento ed educazione libertaria.     Si perchè nonostante cosleeping e allattamento a richiesta, ogni notte è un infernononostante EC e pannolini lavabili ogni cambio di pannolino è un wrestling e ogni due mesi ha irritazioni esagerate, nonostante allattamento prolungato e autosvezzamento il momento della pappa è sempre uno strazio, e nonostante il babywearing non si può lasciarlo solo un attimo che strilla e si dimena come un coniglio scuoiato…  Ciononostante non ci arrendiamo, anzi siamo ancora più convinti che l’attachment parenting  sia la strada giusta (e più difficile ) ma siamo stanchi e di tempo ce n’è sempre meno.

ale e fede

Insomma, quindi questi alti e bassi, inevitabilmente si riflettono anche su blog come il nostro.  Però a volte, chi legge, sembra dimenticare che dietro a belle foto, begli ideali e buoni propositi ci siano esseri umani.   E anche qui una nota dolente, una cocente delusione.  Si, perchè. giustamente, chi dedica il proprio tempo a leggere un blog, si aspetta sempre contenuti al 100%,  senza discontinuità, e soprattutto per quelli cosiddetti etici o green, un’atteggiamento esemplare e irreprensibile.   E allora,  appena si saltano un paio di giorni, oppure si pubblica un post non propriamente avvincente, o si sperimentano nuove formule per cercare di “unire l’utile al dilettevole” ecco che ci giungono critiche di tradimento, di incoerenza o che semplicemente chi era lettore affezionato, con un click è pronto a rimuovere il link dai preferiti.  (per fortuna – grazie davvero a tutti voi – ci giungono anche mail o messaggi su Facebook di lettori affezionati che ci chiedono se va tutto bene)  E questa è una tendenza che purtroppo ho riscontrato troppo spesso negli ambienti più disparati (dai metallari agli snowboarder ma soprattutto , sic!, negli ambienti di sinistra ed equo eco e green.. )  in cui si fa sempre a gara a chi è il più vero, il più puro, il più coerente, il più impegnato e cosi via.  Non è mai abbastanza, non si è mai all’altezza, c’è sempre qualcuno pronto a criticare e a considerare gli altri dei venduti, dei superficiali o dei “poser”.  Ci si dimentica delle persone, rimane solo il metro di giudizio dei nostri ideali, delle nostre aspettative ( e spesso delle nostre frustrazioni) , con l’asticella che si alza sempre di più.

famiglia equazioniE invece, dietro a un blog, ci sono delle persone, che in questo momento sono particolarmente stanche e disilluse,   che non si sono mai considerate “guru” o illuminate, ma che hanno sempre cercato di condividere successi e fallimenti.  Che vorrebbero continuare ad offrire “un servizio” di grandissima qualità ma soprattutto vorrebbero trovare nei lettori soddisfazione, confronto e perchè no, comprensione.

Davide

Le foto potrebbero stonare con quanto scritto da Davide. Non le ha aggiunte lui infatti, ma io. Perchè ogni mattina quando mi alzo ‘ci vedo’ così. Ecco, poi magari col passare delle ore le immagini si fanno un pò sfocate, ma… la sostanza è quella!

 

45 pensieri riguardo “Alti e bassi”

  1. Un post più azzeccato per oggi non poteva esserci… hai/avete tradotto in pensieri coerenti tutto quello che da un po’ di giorni mi passa per la testa… tanta tanta troppa stanchezza anche qui, voglia di staccare, di vacanza, di tranquillità, di avere un attimo per parlare con qualche amico… e invece ce n’è sempre una… un disastro!
    Ma quanto sarebbe bello se fossimo più vicini?

  2. Grazie per la condivisione :) di solito il vostro blog lo legge Silvia, la mia compagna, ma oggi ci sono capitato io…e mi risolleva un po’ il morale…mi fa sentire che siamo meno soli, che non capita solo a noi di avere alti e bassi, è un continuo cammino infinito ma molto spesso ce lo dimentichiamo, non godiamo del paesaggio che ci passa di fianco perché vogliamo raggiungere una meta…essere liberi genera critiche perché pensare fuori dagli schemi è una rivoluzione e noi tutti siamo dei pionieri…tenete duro…vi abbraccio virtualmente!!

  3. Ma che p**** la gente che pretende! Non l’ho mai sopportata.

    Tutta la mia comprensione per gli alti e bassi.
    Io ne ho fatti due come Federico 😀
    Inferno notturno, wrestling da fasciatoio, lotta libera sul seggiolino auto, urla disumane e disperazione random da entrambe le parti… ce l’ho.
    Ma anche io resto convinta che l’attachment parenting sia la cosa migliore, cedo solo dove vedo che loro proprio non gradiscono (tipo il non voler essere legati, non è piaciuto a nessuno dei due dopo i 5-6 mesi, quindi passeggino e braccia… tante braccia… ho imparato a fare tante cose con una sola mano 😀 )

  4. io sono una di quelle a cui piace mettere la gente intorno ad un tavolo e parlare, se poi al posto del tavolo c’è un prato, un albero a testimoniare l’incontro e dei bimbi che giocano indipendentemente da quante se ne dicono i genitori tutto deve finire col calore di un fuoco, una chitarra e tanti sorrisi. Credo proprio di non essermi spiegata, ma spero che questo mio strano augurio piaccia a voi ed a chi vi ha ispirato questo post. Credo che ognuno di noi faccia giá tanta fatica a restare fedele a se stesso per dover essere fedele anche all’immagine che gli altri si fanno di noi. Anche se è inevitabile quando ci si espone creare delle aspettative, poi bisogna scegliere quali non deludere e perché.

  5. Io leggo sempre tutti i vostri post, e non pretendo niente, anzi: mi piace venire qui perchè raccontate la vostra quotidianità e condividete le vostre scoperte e conoscenze.
    Il percorso di ognuno non è lineare, e non credo che si possa mai giudicare la vita degli altri.
    (Spero di non essere stata troppo confusa, ma vi volevo dire che apprezzo tantissimo quello che fate con il vostro blog.)
    Un abbraccio forte… e in bocca al lupo per Fede!

  6. Ma dai che siete bellissimi!!!!
    Siete una famiglia fantastica e come tutte le famiglie fantastiche ci sono periodi sì e periodi no, giorni sì e giorni no… io non ci trovo niente di strano…
    Continuate così, un’affezionata lettrice ce l’avrete sempre ( e oltre ad essere affezionata capisco anche molto bene tante delle vostre problematiche federichiane… 😉 )
    Chiara

  7. A volte è bello riscoprirsi umani. Sapere che si è aiutato tanto, ma anche che si ha bisogno, a volte, di aiuto. E son certa che chi vi è più vicino saprà sostenere questo momento, perché confido nel fatto che a nessuno è mai fatta mancare la giusta compagnia. Se si è disposti a domandarla, riconoscerla, accettarla.
    Tanto da poter ringraziare, un giorno, per la fatica, che ha trovato risposta ancora più grande di quel che si aspettava.
    Con simpatia!

  8. Ma se dalla posizione n. 34 della classifica mensile di Ebuzzing (blog creativi) siente passati alla 5a posizione un motivo ci sarà!!?? :-) :-)
    Siete una bellissima famiglia, di persone normali con momenti più euforici e momenti meno….ciò non toglie che rimanete comunque una bellissima famiglia.
    e se qualcuno vi critica per stupidaggini di questo tipo…meglio perderlo che trovarlo!
    Jessica

  9. per tutti gli spunti interessanti che date, per tutto il tempo che dedicate a questo blog,
    per la vostra sincerità, la vostra trasparenza, la vostra umiltà, la vostra capacità di mettervi sempre in discussione…. GRAZIE

  10. Non commento quasi mai (sììì sono una maledetta lurker!) ma leggo ogni singolo post che postate …ormai conosco le vostre facce e vi considero quasi degli amici, anche se non ci siamo mai incontrati di persona! Ci tenevo a dirvi che mi fate sorridere e mi date un sacco di spunti interessanti (anche se non ho ancora figli!), quindi….le critiche costruttive siano le benvenute, ma mandate pure tutto il resto cordialmente affanculo 😉
    Un abbraccio!

  11. Le persone normali sono quelle che vivono alti e bassi e non si nascondono dietro al web mostrando solo ciò che di bello c’è…
    quello che pubblicate, quando lo fate, e come lo fate, sono solo affari vostri e chi non apprezza tutti e due i lati della medaglia…bè poveri loro…
    Da parte mia non posso che ringraziarvi per ciò che mi fate leggere, uno spaccato della vostra vita, bella, a volte difficile, ma vera.

  12. Grazie per questo post così sincero. Sappiate che comunque per molti di noi non era neanche necessario dirle queste cose… non tutti vi seguono con il mitra puntato per vedere se fate qualche passo falso! Per me siete davvero bravi ad impegnarvi a tenere un blog e a risultare sempre così interessanti… E comunque per parlare del vostro Federico, qualcuno ha detto a proposito dei figli “E’ sempre l’ultimo quello che ti frega!!!” (… sempre che per voi sia l'”ultimo”!!!).

  13. Mamma mia anche qui periodo nero… Un po’ mi consola sapere che non sono sola, ma anche io e il mio blog stiamo rallentando… E meno male che sta arrivando la primevaera… Dai coraggio, verranno tempi migliori!

  14. A parte il blog su cui spesso curioso e in cui non ho mai notato le cose che dite, esco anche io da un periodo di ricerca di sintonia con mio figlio.
    Bravo e bello che sia a volte mi mette (il papà poi ne risente tramite me perchè i suoi atteggiamenti sono identici ai miei, non so come faccia a sintonizzarsi così bene con me, nel bene ma, ahimè, anche nel male!) in difficoltà (eh sì che sono educatrice anche io) e vuoi la stanchezza, vuoi la full-immersion (più di 2 anni di contatto con lui 24h su 24!) a volte mi ritrovo a dire o fare cose che mi stupisco io stessa.
    Poi un bel momento mi sveglio e penso “c’è qualcosa che non va” e cerco un nuovo modo di parlargli e di agire con lui e quasi per magia tutto torna sereno.
    Però come voi credo che mi sente dire o fare certe cose nei momenti “no” resti molto deluso.
    Che dire: certo la stima delle persone intorno a noi è importante, ma più importante lo è quella delle persone a noi care. E quella non si perde così facilmente.

  15. grazie, per il servizio che rendete a chi vi legge, perchè si sente la sincerità e la passione dei vostri sforzi; credo che coniugare la famiglia, i figli, la coppia, il lavoro, l’amicizia e anche gli ideali e la condivisione degli stessi attraverso l’azione sia un’impresa titanica. perciò, non posso che provare una grandissima stima dei vostri confronti, per quello che fate e anche per quello che non riuscite a fare, perchè personalmente vi sento più vicini e meno supereroi. non che sia brutto essere superoi, ma a volte sono così lontani dalla realtà, quella quotidiana, quella terra a terra che i semplici uomini tavolta sono perfino più interessanti.
    grazie!

  16. Mi siete mancati………. era un po che pensavo di scrivervi, ma non so cosa mi ha trattenuto, ho percepito come un momento di chiusura (poi in realtà era “chiusura forzata”) e ho voluto rispettarlo. Ora mi pento perchè in fondo un messaggio poteva far piacere anche se non avessi ottenuto risposta. Voi non state facendo il film della vostra vita e noi qui a giudicare se ci piace o meno, quindi, sfogo accettato a parte, il post per MOLTISSSIMI di noi e ne sono straconvinta, potevi anche non scriverlo!!!
    Per quanto possa servire io vi penso spesso, più spesso di quanto possiate immaginare e se è vero che l’energia circola, magari a causa di traffico e distanza, non vi arriverà immediatamente ma sento che il mio affetto prima o poi riuscirete a sentirlo. Così come quello di molti altri …………
    Vi abbraccio e ……… tenete duro. E’ la strada giusta anche se non necessariamente la più semplice e priva di ostacoli :-)
    Francesca

  17. Mah, secondo me uno che non pubblica ha semplicemente altro da fare…chiunque abbia espresso giudizi semplicemente si prende troppo sul serio.

    Detto questo…alti e bassi ci sono sempre, è normale. Che vita sarebbe solo con ALTI? Siete una coppia bellissima e una famiglia meravigliosa! Tutto passa, siete forti!

    e poi….ormai vi conosco e non mi dovrei stupire, ma leggere che un uomo conosce tutte quelle cose che ha scritto Davide in questo post (prima parte del post!) mi conferma che siete una famiglia fantastica!

    Abbracci e baci

    ps. per la Fra …ho chiesto e anche nella mia scuola mi hanno detto che l’ASL vuole l’usa e getta! Argh!

  18. ciao ragazzi!!
    l’avevo immaginato e volevo scrivervi…ma poi nn sapevo cosa dire..sembrava, guarda questa che si vuole fare i fatti nostri.
    comunque forza ragazzi, pazienza, sospiri e contate fino a 10mila; tutti gli sforzi saranno riconosciuti!ne sono sicura.
    molta tetta, notte&giorno e molta mamma
    mi sento chiamata in causa perchè le mie due bimbe sono così, i bimbi sono naturalmente così
    un abbraccio

    1. Prima di tutto grazie! Grazie perchè attraverso il vostro blog ho deciso di portare Dami(nato qualche giorno dopo Federico). Grazie perchè ho resistito a tre settimane di “ritardo del latte” e tuttora allatto allegramente… nonostante tutti mi dicano che se gli tolgo questo”vizio” smetterà anche di svegliarsi di notte…Grazie perchè quando mi sono sentita sola di fronte a qualcosa di più grande di me, un giro da queste parti mi ha reso felice… Poi c’è ne sarebbero molti altri perchè in molte vostre parole mi sono ritrovata…ma ora vado a prendere il mio cucciolo che ha già terminato il suo breve brevissimo riposino pomeridiano…

  19. Non vi preoccupate per le malelingue, quelle non imprescindibili nella vita e d’altronde non possiamo piacere a tutti. Oggi per me il post è stato ancora più confortante, perché vi sento più vicini dato che i vostri “bassi” li ritrovo spesso nella mia vita con il piccolo Gioele. Avrei anche io voluto che il mio bambino rispondesse sempre alle mie proposte con entusiasmo, invece fatico ogni giorno per tutto: dormire, poppare, cambiarsi, uscire… ma Gioele cresce bene, è sano, ride sempre… vi abbraccio perché ogni giorno vi leggo e mi sento più forte
    Vi basta? :)

  20. ehi…anch’io sono tra quelle che scrivono poco e leggono molto…e a volte mi devo andare a leggere i post arretrati perchè anche io, donna normale in una famiglia normale, non riesco a star dietro a tutto come vorrei…ma come fa chi vi legge sempre e pretende che scriviate sempre?!? mi sembra davvero irreale…e vi preferisco molto più così reali, vicini, umani, meravigliosamente umani!
    e a proposito di umanità…ho sentito proprio ieri da qualche parte questo pensiero, che non riporto fedele perchè non lo ricordo, ma diceva più o meno così: siamo una specie strana, noi umani, forse unici, nel far del male ai nostri simili…
    un abbraccio forte, e grazie per essere tra quegli umani molto più “umani” di altri!

  21. è un “””servizio””” anche questo! questo post è importante per tutti coloro, anche me, che vi seguono e che seguono tanti blog e gruppi su internet ed hanno il dubbio che gli altri genitori sono quasi perfetti, non alzano la voce, non sbagliano, cucinano sempre il meglio etc…, questo post rende umani voi e meno soli i vostri lettori, ecco vorrei riuscire ad esprimermi meglio e non so se sono riuscita a trasmettere il mio pensiero…., se può essere di conforto fra qualche mese andrà meglio…

  22. MA RAGAZZI, ma proprio voi?!?
    avete tutte le ragioni, e vi capisco perfettamente quando dite che Fede pare l’esito di tutte le gufate: purtroppo con un secondo figlio si parte “carichi” di esperienza, che invece, ci servirà a ben poco…bisogna ricominciare tutto da capo…
    senza contare che già era difficile fronteggiare le critiche verso il primo, e quando un pò ci siamo assestati, ecco che arriva un’altra bella dose di critiche e di “consigli” per il secondo, anche se i metodi e le soluzioni sono diverse.
    Quanto al blog, no…sostengo che ci avete “abituato” troppo bene, appunto, ed è questa l’unica vera colpa che avete.

    Triste invece quanto ho letto della materna: potessi avere io alla nostra, genitori come voi per poterci confrontare tutti i giorni, dal vivo….

    Non mollate, e tenete duro: un annetto, e siete fuori dal tunnel…io inizio ora, con il piccolo Fabio, che è maturato molto ultimamente, e inizio a respirare un pò.
    Scusatemi se non mi faccio sentire molto,
    ma vi penso comunque e vi abbraccio a tutti e quattro!!!

  23. purtroppo non possiamo piacere a tutti, ma voi sicuramente piacete a molti, me compresa, che vi leggo tutti i giorni. E se un giorno saltate un post, che problema c’è ??? siamo umani, si lavora, si ha una famiglia… chi pretende è perchè non ha altro da fare…
    continuate così.
    PS: la foto del nasonaso di Ale e Fede è meravigliosa.

  24. Famiglia Equazioni, mi avete messo in crisi, vorrei scrivere qualcosa di intelligente ma scrivi che ti riscrivi e cancelli che non mi vengono le parole giuste per farvi sentire il mio sostegno!
    Io non lo so cosa come chi vi ha fatto talune critiche, magari qualcuno di questi vi è anche particolarmente caro, o non lo so, comunque non me la sento di criticarlo, anche solo per non offendere voi. Anche solo perchè magari qualche critica di quelle che avete ricevuto vorrete voi per primi guardarla con occhi diversi e ragionarci su, per fare il meglio prima di tutto per voi stessi.

    Io vi leggo con interesse, gioia, tenerezza, curiosità, stupore e serietà. E vi ringrazio per tante cose sulle quali mi avete fatto riflettere e fatto pensare e fatto ricordare.
    Spero vi arrivi un bit d’abbraccio;-)
    Pat
    p.s. per il figlio gufato…che ce volete fà…sono le prove più dure e difficili a renderci delle persone migliori. Per guardare il lato positivo beh, il vostro piccolo guerriero sa fare richieste e le sa fare molto bene, questo starebbe anche a significare che è libero di essere e di chiedere e di dire la sua. Embè, mica pizza e fichi, no?
    Sì lo so, magra consolazione, non lo dite a me va che qui siamo in piena fase terrible two…che ho il sospetto andrà avanti fino ai terrible 18.

    Vi ri-abbraccio
    Pat

  25. La descrizione di fede potrebbe essere quella di mio figlio! sono bimbi che chiedono tanto ma danno anche in proporzione. Vi ringrazio per il post, a forza di leggere blog di supermamme è facile cadere nello sconforto. Spesso si leggono per trovare conforto e consigli, si finisce invece con ansie da prestazione ancora maggiori. Leggere che anche voi siete fallibili e UMANI, mi fa piacere ancora di più il vostro blog! grazie ancora, un abbraccio

  26. non potevo non commentare,mi sembra di stare vivendo una situazione simile:
    con martino il mio primo figlio(ora 4 anni) tutto è andato molto bene, parto in casa, allattamento a richiesta, ha subito mangiato tutto da solo, pannolini lavabili, sempre nella fascia, senza ciuccio, notti abbastanza tranquille,abbiamo persino fatto un viaggio in sudamerica di 6 mesi con lui ha 14 mesi, interminabili viaggi in pullman, continui cambiamenti…Quando mi confrontavo con le altre mamme proprio non le capivo.
    poi è arrivata Zoe(1 anno)sarà il significato del suo nome (Vita) sarà il parto con lothus che le ha infuso troppa energia,ha stravolto (e ora ne sono contenta)le mie credenze:
    dopo i tre mesi non ha più voluto la fascia(davanti, dietro, sul fianco,fascia lunga, mei tai chi più ne ha più ne metta…)si addormentava solo col ciuccio, nemmeno al seno;
    passeggino neanche a parlarne, la macchina meglio evitare, treno non sta ferma un attimo, cambio pannolino lasciamo perdere.
    10 mesi no ha più voluto la tetta, mi mordeva e si girava dall’altra parte;notte sveglia ogni tre ore;
    dopo mesi di lotte, mi sono posta in un atteggiamento di ascolto nei suoi confronti, ok per un po’ non ti porto nella fascia aspetterò quando vorrai (10 mesi a ripreso a piacerle la fascia ma solo per dormire); perchè continuare con l’allattamento se non vuoi più?ora dorme tutta la notte,(non è la soluzione e lungi da me dal proportela ma con lei ha funzionato) perchè imporle ciò che secondo me era il meglio?sono diventata meno rigida sui miei principi che non vuol dire che non li rispetto più ma li medio.
    sono sempre la mamma ma ora ne devo ascoltare due bambini ed è sempre tutto una novità.

  27. Il post più bello degli ultimi tempi,il più veritiero e con il quale mi identifico al 100%!
    Sapete cosa vi dico?GRAZIE,GRAZIE,GRAZIE e ancora GRAZIE!!!
    Si perché anche io sono stufa di dovermi sempre giustificare,di sentirmi sempre inadeguata, sempre in competizione..e che diamine ma esiste anche il lato debole in ognuno di noi,o siamo tutti macchine indistruttibili?!!
    Ho cercato e cerco tutti i giorni di migliorarmi come madre,come moglie,come amica,ma anche come individuo..e che cosa c’è di più bello nell’essere umano se non il senso di solidalità,di condivisione e perché no,di compassione?!Siamo tutti in viaggio verso la stessa meta,verso la trasformazione di energia che la vita porta,purtroppo non tutti scelgono la via positiva per esprimere le proprie potenzialità,ma ogni giorno abbiamo bisogno anche di ricaricare le nostre batterie grazie ai piccoli gesti..
    Forse la vostra esperienza può aiutare tutti noi a ricordare di contare fino a dieci prima di esprimere un commento negativo sotto forma di “consiglio”non richiesto,o peggio ancora subdolo…
    PS:La descrizione di Federico sembra quella di mia figlia!!Gemelli separati alla nascita?!:-D..Rido per sdrammatizzare..Adesso ha 15 mesi ma le cose stanno lentamente migliorando da quando ha compiuto l’anno,se penso a com’era qualche mese fa…pensavo che il problema fosse la mia poca esperienza con i bambini,un po’ mi consola sapere che non sono sola,un po’ mi dispiace perché so quanto sia difficile rimanere concentrati e ancorati ai propri principi..
    Vi voglio dire che vi ammiro molto e che i vostri post mi hanno dato molti spunti per rendere più forte il legame con mia figlia,ma anche per esaminare la mia condotta verso il pianeta.Continuate così e non lasciatevi scalfire dagli atteggiamenti superficiali,perché c’è chi apprezza veramente i vostri sforzi!

  28. Non so cosa sia successo quindi non posso giudicare ma spero che queste critiche non vi tolgano il piacere che avete nel curare questo blog, che secondo me dovrebbe rimanare un piacevole e anche spensierato spazio all’interno delle nostre (e vostre) giornate….cavoli non è un lavoro a contratto…..è apprezzabile l’impegno che ci mettete, dai vostri articoli traspare la passione che usate per realizzarli ma, almeno per quanto mi riguarda, non ho mai ritenuto che abbiate una responsabilità di frequenza e puntualità!!!! Non vi seguo da molto, ma non ho notato nemmeno un ribasso del livello di qualità dei post….dai ragazzi take it easy!
    Siamo con voi!!!!!!!

  29. ragazzi miei io vi dico GRAZIE, per gli spunti di riflessione, per i suggerimenti e per tutto ciò che condividete con chi vi segue…
    io direi che una cosa che tanti proprio non riescono a fare è astenersi dal giudicare, francamente mi sono sempre chiesta, con molta ammirazione, dove troviate le energie, l’entusiasmo e il tempo di fare tutto quello che fate, e chi vi ha tacciati di essere “traditori” o “incoerenti” proprio non lo capisco.
    Vi abbraccio virtualmente, con la sicurezza che perseverando lungo la strada che avete percorso fin ora con Federico tutto si risolverà.

  30. Nessuno è perfetto, fermarsi e prendere coscienza è costruttivo…ma continuate così, a me piacete un sacco ! Se si fosse tutti uguali e perfetti sai che pxxxe !

  31. Non ho tempo di leggere tutti i commenti (ma dài?!?)… però un messaggino ve lo lascio. Ho notato anch’io che ultimamente ci siete poco, ma, francamente, non mi è nemmeno venuto in mente di chiedervi il perché… lo avevo intuito… Forse perché ci sono già passata (due bimbi piccoli, nuovi equilibri…), forse perché comunque gli alti e bassi sono pane quotidiano per tutti, con 1 o con 4 figli, o anche senza… solo che c’è chi non lo ammette, chi non lo accetta… ed è un peccato perché a non saper accettare i momenti “brutti” si rischia di non riuscire a godere nemmeno di quelli belli!
    Coraggio bella famiglia, sta arrivando la bella stagione, il vostro piccolino continua a crescere e non cambierete pannolini in eterno, prima o poi anche lui capirà il gusto di una buona dormita (e accadrà prima dei 20 anni…); prendetevela comoda e fregatevene di chi queste cose non le capisce…
    Un abbraccio solidale!

  32. CIAO!
    Per quanto riguarda Federico, se vi può consolare: ho avuto il quarto figlio quando i primi tre erano già grandi e, solo per lui ho scoperto: fascia e mei tai, cosleeping, pannolini lavabili, la fortuna di un bellissimo parto, tanta voglia in più di godermi i primi anni così veloci…
    Risultato: lui ha appena compiuto 3 anni e ancora non ha dormito una notte intera, è capace di urlare per ore, testardo da non dire, e mi fermo qui :-(!!!
    Per il vostro blog invece devo dirvi che mi fa sempre piacere leggerlo proprio perchè si percepisce che dietro c’è una VERA FAMIGLIA. Non una famiglia perfetta che compie sempre scelte perfette, ma una famiglia autentica!
    GRAZIE VI ABBRACCIO

  33. No, non è che io e Massi ve l’abbiamo gufata…il nostro era solo realismo con una punta di cinismo. Il realismo di non essere stati “fortunati” come voi ad avere un bimbo come Ale, ma ad averne avuto una prima a gestione più complicata…così complicata che ogni tanto penso che Gordon l’avrebbe sculacciata e Gesù Cristo avrebbe detto “Lasciate che i pargoli vengano a me…tranne quella bimba bionda lì”

  34. Per il tema centrale del post, invece, io penso che non scriverei mai un diario come il vostro, così privato e così pubblico: nella vita vera le persone sono fallaci, cambiano idea e non sempre sono coerenti, ma tutto succede non in pubblico, non con giudici dalle grandi aspettative messi lì in prima fila.
    Perchè un blog è una via di mezzo tra realtà e finzione, è veicolato da un medium di massa e la finzione il pubblico la vuole perfetta, non si può sgarrare.
    Poi come ho sentito ieri sera in tv dalla Bignardi, ma non ricordo dalla bocca di chi, è più forte la spinta di un vegano a convincerti che il suo stile di vita è quello giusto che non di un onnivoro a fare altrettanto….quindi trattate temi in cui i giudici forse sono anche più severi della media del pubblico.
    E poi (oggi cito la Bibbia a tutto spiano O_O) è più facile vedere le pagliuzze negli occhi degli altri che le travi nella proprio, lo facciamo tutti, lo fanno i vostri lettori, lo fate voi.
    Per questo io non mi esporrei mai come fate voi…scusate, sarò brutale (ma tanto mi conoscete e lo sapete che posso essere una merda), ma certe richieste di esame di coscienza/richieste di coerenza/critiche/attacchi ve li siete cercati il giorno in cui avete scritto il primo post.
    Perchè si sa che la legge del mercato mass mediatico richiede di mantenere gli standard ed eventualmete alzarli.
    Tutto questo detto con l’affetto e la stima che ho per voi e lo sapete.

  35. evviva le famiglie come le vostre!!!!!! evviva la normalità, i momenti si e quelli no!!! evviva voi e grazie a voi “porto” il mio piccolo edoardo. Basta questo. il resto sono fatti vostri e io che aspetto dall’altra parte dello schermo vi ringrazio per ogni post che scrivete, di certo non mi metto a giudicare, e chi sono poi io per farlo? un abbraccio che vi contenga tutti!!!

  36. Ciao, non sono vegana, non sono particolarmente ecologista, e nemmeno particolarmente di sinistra. Sono una mamma di quasi 4 figli (l’ultimo nascerà ad agosto) e sono capitata sul vostro blog cercando info sul portage. Ho notato molta umiltà nel proporre i vostri valori, diferenza di molti altro blog decisamente ideologici. Questo è un diario, e come tale dovrebbe essere inteso. Non come un manifesto. Non come familgia per forza esemplare. Direi un famigli alla ricerca. Come siamo noi. Dal primo figlio all’ultimo ci siamo ricreduti su tante cose. E’ triste che l’educazione in famiglia possa essere strumentalizzata (anch’essa!!!!) in maniera politica o ideologica.
    E quindi…non ti curar di loro, ma guarda e passa!!!!!
    ciao. In bocca al lupo.
    Hysterikmom

  37. Federico avrà la determinazione dei secondi, e voi la stanchezza dei bis-genitori… Prendetevi il vostro tempo e non giustificatevi con nessuno, altrimenti che downshift faremmo se dovessimo rallentare al lavoro per poi cedere ad altre (troppe) aspettative?
    Un abbraccio

  38. Passo da qui dopo parecchi mesi e spulciando a ritroso negli ultimi posts trovo questo…
    E’ vero che il blog è un diario di vita privata resa pubblica, ma è sempre “casa vostra”, quindi anche secondo me non dovete giustificarvi con nessuno, tantomeno se siete stanchi per un motivo importantissimo come i figli!
    Vi capisco benissimo, eh, la vita a quattro è dura… ma presto ci saranno nuove forze pronte a sostenervi (è una cosa che spero anche per me, essendo nella stessa situazione!)
    Un abbraccione

  39. Per me siete sempre i migliori ed in questo periodo in cui: sto inserendo la “grande” al nido, sono ancora frastornata dai due traslochi, non dormo la notte, il piccolo di 10 mesi rifiuta di mangiare e continua a volere solo la tetta e, x finire, sto x tornare a lavorare, vorrei veramente seppellirmi! Anche qua cosleeping, autosvezzamento (se solo volesse!), coccole a non finire, ma la situazione è quasi drammatica x i miei poveri nervi.
    Vi capisco benissimo e, mi spiace, ma vi dirò che un pò mi fa piacere sapere che, nonostante tutte le attenzioni che do e che voi date, non sono la sola con questi problemi!
    Ma quindi che si può fare? A parte tanta pazienza, amore ed euforia quando si riescono a dormire 3 h….

    In bocca al lupo anche a voi.
    Ps. Sarei curiosa di sapere che problemi avete con la pappa…. Il mio mangia solo crostini, stop!
    Vi abbraccio
    Elena

    1. non mi sono permessa di rispondere fino ad ora perchè volevo lasciare almeno il primo commento a davide, autore del post.
      ma visto che sebbene le giornate che si stiano pian piano allungando a volte sembrerebbero proprio più corte, comincio io
      GRAZIE!
      è un piacere leggere che ci siete, che esistete davvero, e che ci accompagnate nel nostro lungo, tortuoso ma avvincente cammino!
      francesca

  40. Ma dai! Ed io che pensavo che stavate andando alla grande!
    Pensa che potete fare quando siete a “pieno regime”! 😉
    Per me, voi e il vostro blog siete fantastici!
    E ora dopo questo post lo siete ancora di più!
    Baci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *