Quando arriva un fratellino: il massaggio infantile

Ho parlato più volte dellenormalissime e giustificatissime gelosie che possono nascere nei nostri figli quando è in arrivo una nuova cicogna.

Tanti sono gli accorgimenti che si possono prendere durante la gravidanza quando il pancione si fa evidenete, quando in pratica qualcosa inizia fisicamente a mettersi tra il vostro bimbo e voi!

corso di massaggio infantile equazioniDopo la nascita di Fede in molti mi hanno chiesto se non si erano verificati casi di tentato omicidio da parte del fratellone: spinte, morsi, pizzicotti…

Sicuramente Ale è un bambino molto affettuoso di suo, di carattere, e manifesta la sua gelosia per il fratellino in altri modi.

Nonostante ciò ho deciso di coinvolgere anche lui in un’attività molto speciale: il massaggio infantile.

Solitamente quello del massaggio infantile è un momento riservato alla mamma o al papà e al piccolo arrivato. Ma nel caso in cui ci fossero dei fratelli o delle sorelle più grandi questa può essere una bellissima occasione per vivere momenti di intimità da condividere con la famiglia al completo.

I fratelli e le sorelle maggiori, specialmente se la differenza di età non è molta, potrebbero sentirsi a disagio con i nuovi arrivati, aver paura di toccarli perchè piccoli, fragili e decisamente inclini al pianto. Dall’altra parte invece potrebbero essere caratterialmente molto fisici e non rendersi conto che il neonato, per quanto possa assomigliarci, non è proprio un bambolotto.

Il massaggio può quindi essere un’occasione di contatto e un ottimo aiuto perchè si instauri un legame tra i fratelli, riducendo di conseguenza la gelosia.

Più avanti vi parlerò nello specifico di tutti i benefici che il massaggio infantile può infatti apportare non solo al bambino e ai suoi genitori ma all’intera famiglia: ora voglio semplicemente raccontarvi la mia esperienza di mamma.

[ad#banner_link_468x15]

Queste sono alcune immagini rubate durante il corso di massaggio infantile a cui hanno partecipato il piccolo Fede, Ale e il papà

corso di massaggio infantile - gelosia

Ale ascoltava con attenzione e ripeteva le diverse sequenze di massaggi sulla sua bambola, compresa la richiesta di permesso (con tanto di vocina della sua bambola che acconsentiva verbalmente a farsi massaggiare!!)

massaggio infantile addome

Chi ha praticato il massaggio con i propri figli può sicuramente riconoscere il massaggio che Ale sta facendo sull’addome della sua bambola mentre il papà massaggia Fede.

massaggio infantile - corsi equazioni

Poi, visto che la sua bambola non voleva più essere massaggiata, Ale ha aiutato il papà a massaggiare Fede.

massaggio fratelli gelosia

E perchè non provare su di sè il piacere di essere massaggiati dal papà?

massaggiare i bambini - corsiDurante tutta la lezione Ale ha cercato un contatto con il suo fratellino: quando non lo massaggiava gli spiegava che cosa stava succedendo o se lo sbaciucchiava.

Insomma, è stato talmente entusiasta dell’esperienza del corso che ha chiesto più volte di poter massaggiare insieme a me Fede o le sue bambole anche a casa. E neanche a dirlo è stato ben accontentato!!

To be continued….

Sei una mamma (o un papà!!) interessata ad un corso di massaggio infantile in zona Milano/Pavia e rispettive province? Scrivimi a portareibambiniATgmail.com (sostutire AT con @)

[ad#banner_link_468x15]

5 pensieri riguardo “Quando arriva un fratellino: il massaggio infantile”

  1. Che bellissima esperienza! Penso che anche ad Alice sarebbe sicuramente piaciuto poter massaggiare Elena visto che anche lei è molto fisica nei suoi confronti e starebbe sempre a metterle le mani addosso (non per picchiarla, ma per giocarci o abbracciarla o accarezzarla)…

  2. che bello! quanto è dolce il tuo bimbo con il fratellino! anche io ho avuto una bellissima esperienza con il massaggio. Ho cominciato quando davide aveva 2-3 mesi e lo facciamo ancora adesso (solitamente ai pedi perchè è quello che lo rilassa di più)

  3. Che nostalgia! Qui da noi il corso è gratuito, organizzato dal consultorio, ma le richieste sono tante e viene data la precedenza al primo figlio, ovviamente. Quindi l’ho fatto solo con Tabita. Anche allora c’era una mamma con il figlio più grande, avrà avuto l’età di Ale e anche lui era felice e ha partecipato più volte.
    Spero che col prossimo, visto che sono passati 11 anni mi accettino… non ricordo quasi più nulla :(

  4. Che bella idea! La “rubo” sicuramente!!! :-) Ora che aspetto il terzo anche io ho di questi problemi. Ne parlavo proprio in un post sul mio sito…!!!

    Grazie ancora e buon anno!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *