Settimana dell’allattamento 2011 – Giveaway “Allattare un gesto d’amore”

Anche quest’anno durante la Settimana dell’allattamento vogliamo dare il nostro contributo per promuovere l’allattamento al seno.

Non vogliamo farlo però criticando le mamme che non hanno allattato o elogiando quelle che sono riuscite a portare avanti un allattamento prolungato.

giveaway equazioni - bonomi - settimana allattamento 2011

Il nostro impegno personale e quello di questo blog è piuttosto quello di cercare di fare buona informazione, di invitare quindi le neo-mamme a non fermarsi davanti al primo consiglio nè alla prima difficoltà. Sappiamo che non è facile e che le emozioni, lo stress, la stanchezza a volte ci fanno cedere ma dobbiamo farlo per noi e per i nostri bambini.

Per la settimana dell’allattamento vi diamo la possibilità di partecipare ad un bellissimo giveaway messo gentilmente a disposizione da Bonomi Editore: il libro “Allattare – Un gesto d’amore”

 

Questa potrebbe essere anche un’ottima idea regalo per una neomamma, per aiutarla ad affrontare più serenamente l’allattamento.

Per partecipare a questo giveaway ed aggiudicarvi una copia del libro “Allattare – Un gesto d’amore”vi basterà

Condividere questo post sul vostro blog, sulla vostra bacheca di Facebook o Twitter (potete anche utilizzare uno dei banner qui sotto, delle dimensioni che più si adattano al vostro blog)
Lasciare un commento a questo post indicando anche il link della vostra segnalazione
– Iscriversi alla pagina FB del Blog EquAzioni

Se volete rimanere aggiornati sulle pubblicazioni e le iniziative dellla Bonomi Editore iscrivetevi alla loro pagina facebook.

Avete tempo fino a lunedì 24 ottobre 2011. Dopo l’estrazione pubblicheremo il nome del vincitore in un UPDATE in fondo a questo post.

76 pensieri riguardo “Settimana dell’allattamento 2011 – Giveaway “Allattare un gesto d’amore””

  1. Noi non abbiamo ancora smesso….. E’ il nostro modo di ritrovarci alla sera dopo tutta la giornata lontane…. Ci stringiamo in un unico abbraccio d’amore e il tempo si ferma e’ come se non ci fossimo mai lasciate…. La giornata inizia e finisce con il latte della mamma… Il cerchio della vita

  2. Condiviso su FB e twitter… dove sono i banner? Potrei metterlo nel blog. Se vinco lo regalo ad un’amica… con tre allattamenti alle spalle (uno dei quali ancora in corso) credo che anche il prossimo non avrà problemi!

  3. Ecco, ho condiviso sulla mia pagina fb, ma non riesco a postare il link qui..odio internet dal cellulare ma al momento non ho alternative.. Vale lo stesso? :-)

  4. Io sto allattando (poco) ma mia sorella tra un mese partorisce 2 gemelline e vorrei regalarglielo, inoltre il 24 è il mio compleanno…ho una chance in più?!
    elisa

  5. ho allattato 2 bambini per un anno ciascuno…una esperienza bellissima,intima e soddisfacente…i bimbi stanno crescendo bene e stanno male pochissime volte!
    ora è il momento delle mie amiche…potrei regalarlo!! 😉

  6. Allatto ormai da 1 mese e mezzo e ogni volta che guardo il mio piccino che succhia da me sento che tutta la stanchezza se ne va e il mio amore cresce sempre più. Tutte le mamme possono allattare, per poco o per tanto che sia, non importa, l’importante è non scoraggiarsi alla prima difficoltà!

  7. Ciao a tutti, volevo raccontare la mia esperienza come contributo … per non perdere le speranze alle prime difficoltà! Laura è nata nel febbraio 2010, e da sempre io sono stata convinta di allattare, prima della gravidanza, durante. I primi problemi sono arrivati in ospedale la bimba era vorace e io non avevo capito che quando piangeva aveva fame, le infermiere dicevano che erano coliche e la portavano con loro al nido e le davano un pò di glucosata, forse per non farmi sentire inutile… ma purtroppo questo non mi ha aiutata una volta a casa… quando la sera piangeva io dicevo a mio marito… “sono coliche”, e invece poverina era fame, quindi il mio latte ha tardato ad arrivare a causa mia… e del fatto che non mi sono fidata del mio istinto. Poi, dopo 3-4 giorni, una volta capito (grazie alla pediatra) che non erano coliche e che aveva solo fame, ho cominciato ad attaccarla spessissimo, ma lei si attaccava in modo vorace, poveretta aveva ragione! E il mio latte non le bastava, l’ultima poppata dovevo usare il latte in polvere :( ero molto demoralizzata. Poi mi sono venute le ragadi, ad entrambi i seni, per farla breve ho allattato per 20 giorni con i paracapezzoli, piangendo di dolore e stringendo un calzino tra i denti , per non urlare. Vivevo il momento dell’allattamento come una tortura e contavo le ore di intervallo tra una poppata e l’altra con terrore, consapevole che avrei sofferto. Però non ho mollato, mio marito mi ripeteva che se avessi semsso di allattare non sarebbe stata una tragedia, vedeva la mia sofferenza… ma io l’avrei vissuta come una sconfitta! Alla fine dopo un mese tutto risolto… niente + aggiunta la sera e niente + paracapezzoli!! E mi ricorderò perfettamente il momento in cui ho provato la sensazione + bella del mondo, mia figlia che si attaccava al mio seno e me lo massaggiava delicatamente. Per tutti i 10 mesi che seguirono durante l’allattamento, non facevo nulla, non guardavo la tv, non leggevo giornali…. mi concentravo solo su di lei, la guardavo sempre … negli occhi, non mi volevo perdere nemmeno un’istante di quei momenti unici, che sapevo non sarebbero + tornati, per lo meno con lei!

  8. io sono la mamma di 6 figli e devo dire che non con tutti sono riuscita ad allattarli al seno, col primo dopo soli 20 giorni ho smesso, colpa di mia madre che continuava a stressarmi con sta cosa dei 5 minuti per seno e poi basta per 4 ore così ho perso anche quel poco che avevo, con la seconda mi sono goduta tutto il tempo ed era anche poco che è rimasta col mio latte 11 mesi, col terzo di nuovo 1 solo mese e poi ero di nuovo senza l’unico pasticcio era che lui non voleva altro latte e così a 3 mesi mangiava il pancotto, la quarta anche allattata fino a 9 mesi, con la quinta non ce l’ho fatta ogni volta che mi fermavo ad allattare gli altri figli ne combinavano di tutti i colori forse per gelosia, con il sesto anche le due più piccole si attivano, ma questa volta non demordo, voglio coccolarmi e vivere questo idilliaco momento col mio cucciolo, anche perchè credo sia l’ultimo e questo momento non me lo sa ridare più nessuno, poi quando la sua calda manina si appoggia sul mio seno e lo accarezza mi fa rinascere e riavere fiducia in me stessa che ce la posso fare, e allora avanti, come un treno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *