Gravidanza e lavoro: il bambino è nato

Il cosiddetto congedo di maternità obbligatoria genarlamente copre i due mesi prima della data prevista del parto fino ai 3 mesi successivi.

gravidanza e lavoro: cosa fare quando è natoUna volta nato il bambino, entro 30 giorni dal parto devono essere presentati all’ufficio dell’INPS di competenza:
l’attestato di parto rilasciato dalla Asl
oppure lo stato di famiglia
oppure la dichiarazione sostitutiva da parte della richiedente da cui risultino le proprie generalità, quelle del bambino e lo stato di madre dello stesso.
(Una copia andrà poi inviata anche al datore di lavoro)

A partire da questo momento la madre o il padre lavoratori possono richiedere presso la sede dell’INPS di competenza e presso il datore di lavoro gli assegni familiari.

Fonte INPS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *