Come organizzarsi e cosa comprare per il bagnetto dei bimbi?

Prima che nasca un bambino bisogna organizzarsi con tutto l’occorrente. Spesso però per inesperienza o per la smania di comprare tutti quegli accessori in miniatura così carini e colorati si finisce con l’esagerare.

bagnetto in un vascotto

Di molte cose, soprattutto se lo spazio in casa è poco, si può fare a meno. Già perchè gli accessori saranno anche in miniatura ma chissà com’è , quando non si utilizzano più sembrano diventare super ingombranti!

Per fare il bagnetto ai neonati o a bambini molto piccoli per esempio ci si può organizzare in diversi modi: in commercio esistono delle specie di sdraiette da adattare alla vasca da bagno, delle strutture pieghevoli da appoggiare sopra alla vasca oppure se in casa si ha solo la doccia spesso si ricorre a vaschette come la tummy tub o a mobili fasciatoio da tenere in bagno o nella cameretta del bimbo.

Noi con Ale ci siamo organizzati nei modi più svariati, senza però acquistare nessun oggetto particolare e risparmiando così denaro e soprattutto spazio prezioso!

Molti bagnetti sono stati quindi fatti nel lavandino,

fare il ganetto nel lavandinonella vasca da bagno con tanto di palline colorate o abbracciati nella doccia insieme alla mamma o al papà oppure in un bel vascotto borbido.

come fare il bagno ad un neonatocome organizzarsi per il bagnetto dei neonatiQuesto vascotto di plastica morbida e colorata pur essendo stato acquistato molto tempo prima e per tutt’altro scopo sembra proprio perfetto. In fondo una volta i bambini venivano lavati in piccoli catini e il fatto che questo non sia di plastica dura fa si che anche se il bambino si spingesse con i piedi e sbattesse con la testa non si farebbe male.

Il bimbo inoltre può stare a piacere sia in posizione sdraiata che seduta (sempre tenuto da un adulto ovviamente!) e una volta che è cresciuto il vascotto può tornare ad essere utilizzato per altri scopi!

8 pensieri riguardo “Come organizzarsi e cosa comprare per il bagnetto dei bimbi?”

  1. Per la prima figlia noi avevamo “ereditato” la mia vecchia vaschetta per il bagnetto, con tanto di supporto in ferro…occupava mezza camera solo quella e quando non veniva utilizzata diventava un porta tutto alimentando disordine a non finire…quando è nato il secondo non è ho voluto sapere di riprendermela in casa!! Lo abbiamo lavato nel lavandino finchè non è stato abbastanza grandino da finire nella vasca assieme alla sorella!!! 😉

  2. Noi avevamo e abbiamo la tummy tub che essendo al momento inutilizzata per il suo scopo primario, è diventata un secchio per la biancheria SUPERCOMODO e capientissimo ehehehe Quindi nel nostro caso è promossissima, resisterà in casa nostra per tanti e tanti anni direi, per i bagnetti e quant’altro. Quindi l’acquisto è stato utile, lei si divertiva tantissimo lì dentro anche se soltanto per il primo anno, dopo direttamente nella vasca da bagno con tappeto antiscivolo e giochi. Adesso la usiamo come bacinella in attesa del prossimo utilizzatore/utilizzatrice :o)

  3. Noi usavamo la classica bacinella (visto che non abbiamo la vasca da bagno e i nostri anatroccoli nel lavandino avrebbero allagato ovunque)! 6 euro e riutilizzabilissima nelle sue funzioni…
    .
    se vi va, visto che l’acqua c’è sempre in mezzo, potete partecipare al giveaway della mia amicona unboilwoman che affronterà in modo serissimo il referendum, con un look all’altezza del quesito…

  4. Noi ci eravamo comprati su internet la TommyTub (figurati chi poteva mai regalarci una roba così costosa e, all’epoca, non reperibile nei negozi): mi sembrava di non essere abbastanza alternativa se non ce l’avevo…..
    Tornassi indietro non la ricomprerei: a nessuna delle due figlie è piaciuta gran chè e l’abbiamo usata pochissimo!!! Con Anna giusto un po’ di sollievo alla colichette i primi due mesi. Poi ha cominciato a tirarsi in piedi e cercare di uscirne. Non solo: la sua forma fisiologica non consente ai bimbi più grandi di giocare e fare cif ciaf con le manine. Così è stata messa rapidamente da parte e sostituita dalla vachetta Ikea (6 o 7 euro, non ricordo e per giunta azzurra come il nostro bagno!). Un successone: una vasca perfetta per noi e per la bimba. La TommyTub è stata messa da parte in attesa di ammortizzare la spesa con la seconda bimba: niente. Neanche le coliche ha avuto e ci si tirava in piedi pure lei…così l’ho lavata nel lavandino finchè non è stata seduta e l’ho messa nella vasca Ikea nella quale può fare ciaf ciaf!!! Ora la vasca radical-chic è come nuova e la porterò a vendere. A saperlo però non spendevo tutti quei soldi.

  5. Io invece ho usato tantissimo la tummy tub e Angela si è trovata davvero bene, tant’è che l’abbiamo usata per parecchi mesi senza problemi, anzi! Poi siamo passati a una normale bacinella per i panni con un piccolo tappetino antiscivolo.
    Personalmente la ricomprerei, anche perchè ho trovato più comodo farle il bagnetto tenendola con una mano e lavandola con l’altra nella tummy tub, che non in una vasca più grande, dove non mi sentirei sicura di tenerla bene… Poi quando crescono e stan seduti è un altro discorso, e si può optare anche per vasca da bagno, doccia e altro

  6. io ho usato una specie di Tummy tub (shantala mi pare si chiami) un pò più grande, l’ho trovata comodissima per entrambi i bimbi e lo ho anche prestata con successo. l’ho messa via in attesa che serva a qualche amico. quel secchio verde che vedo nelle foto mi sembra uguale a quello che ho preso io per o giochi al reparto giardinaggio del super. è molto comodo in gomma morbida con i manici. ne ho uno anche per i panni da stendere.
    (pagato pochi euro)
    Manu

  7. Noi bacinelle: prima una piccola quadrata, ora una lunga rettangolare.. in realtà ci avevano prestato un coso per il bagnetto, ma era stra-ingombrante, ci voleva un sacco di acqua e il tarta non poteva muoversi come voleva.. bocciatissimo, siamo ritornati subito alla bacinella :))))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *