Colori a dita: come prepararli in casa

Dopo aver letto il post di Unconventional Mom mi è tornata alla mente questa ricetta per preparare i colori a dita che ho usato così tante volte al lavoro con moltissimi bimbi e mai col piccolo Ale!!

Così ho deciso di riproporvela anche io. E’ una ricetta molto semplice e veloce da preparare, non servono moltissimi ingredienti (dunque economica!) e può essere conservata in frigorifero in piccoli vasetti di vetro.

ingredienti per fare i colori a dita in casa

Ma ecco cosa vi serve:
– 3 cucchiai di amido di mais
– 2 gocce di glicerolo (si acquista in farmacia)
– 1 /4 di tazza di acqua fredda
– 1 tazza di acqua bollente
– colorante alimentare a scelta

La preparazione è talmente semplice che l’ho fatta insieme ad Ale che mi ha osservato durante i passaggi più scottanti.

Innanzitutto in un pentolino si passa la maizena con un colino per evitare grumi:

ricetta colori a dita fai da teAggiungere l’acqua e mescolare bene con una frusta.

come preparare i colori a dita in modo naturale

Infine mettere il tutto sul fuoco e far addensare e aggiungere il glicerolo.

come preparare i colori a dita

Questo è il composto che si ottiene. Ovviamente in questo passaggio è bene che i bambini osservino solo e ad una certa distanza!

[ad#banner_468x60_solotesto]

Dopo averla divisa in vasetti di vetro o ciotoline, aggiungere il colorante alimentare scelto. A partire dai colori primari che si trovano facilemente al supermercato nel reparto dolci (rosso, giallo e blu) è possibile crearne altri.

Dopo averli lasciati raffreddare sono subito pronti per essere usati!

come preparare i colori a dita

E allora via di fantasia!

colorare con i colori a dita

[ad#banner_misto_468x60]

Grazie Unconventional Mom!!

27 pensieri riguardo “Colori a dita: come prepararli in casa”

    1. donatella, ti ha risposto già monica.
      io ho sempre usato il glicerolo (ne avevo acquistato una bocetta per fare le bolle di sapone in casa – ecco, prima o poi vi darò anche questa ricetta!- e dovendone usare poche gocce….ne ho ancora un sacco), non ti so dire com’è il risultato senza
      ma monica nel suo post consiglia in alternativa di usare il detersivo liquido per i piatti. e in effetti, come mi ha risposto nei suoi commenti, è forse più facile averlo in casa!!

  1. Hai ragione: LE BOLLE GIGANTI!!!
    Sì facciamole, facciamole… devo aprofittare delle giornate senza vento. Qui però il glicerolo serve proprio, non di può sostituire, almeno non credo.

    1. in realtà in molte ricette usano il detersivo per i piatti (e io ricordo che mia mamma e mia nonna usassero proprio il detersivo per ri-riempirmi i barattolini di bolle)…
      però io consiglio il glicerolo!!

      1. Quando ero piccola io (anni 50) usavamo sciogliere nell’acqua il sapone di Marsiglia e per fare le bolle (coloratissime) usavamo tubi di canna fatta seccare…

  2. Grazie tante per il consiglio e per la ricetta però mancano tutte le istruzioni per l’utilizzo, che io già tremo al pensiero degli svariati usi di questi colori che potrebbe ideare il gigantino. Tu che hai esperienza consigli di usarli fuori magari con una tuta stile C.S.I. addosso o ci possiamo azzardare anche in casa e se si mi spieghi l’arcano: come si fa a far concentrare un bimbo sul foglio come unico supporto utilizzabile in questa attività?
    Molto bello il vostro digipinto, ciao

  3. Bene, adesso non ho neanche più la scusante di non avere il glicerolo!-) Tutti gli altri ingredienti li ho… un paio di domande:
    – si possono conservare a temperatura ambiente o seccano?
    – hanno una “scadenza”? (intendo nel caso volessi prepararli per regalarli… perchè dubito che una volta fatti qui durino molto… )
    – secondo te posso usare anche i coloranti alimentarti in polvere?

  4. Che ottima idea! Li farò di sicuro, ma… Francy dove si compra il glicerolo?
    E ancora: ci metti sul blog anche la ricetta per il didò artigianale?

  5. Grazie tante x questa ricetta. A me piace molto farli giocare con i colori a dita (4 anni e mezzo e quasi 3 anni ). Volevo dire alla mamma qui sopra che i bambini ADORANO questo gioco; semmai il problemino è come farli smettere; se vuoi un consiglio io faccio così. I miei sono due (quindi ancora peggio), metto SUL TAVOLO un foglio ciascuno non A4 ma più grande, sotto metto dei giornali, parto consapevole che le braccia dei vestiti indosso si sporcherà, è da capire; le prime volte un foglio anche x me e disegnavo, guardavano molto me, non andando oltre. Può durare non molto (dieci minuti o poco più x questa età). Lo consiglio a tutte le mamme, così come dipingere con gli acquerelli. Dimenticavo, non li perdo di vista nemmeno un attimo. Li faccio colorare da un’età molto piccola, mi sono trovata molto bene. Il pomeriggio o si impasta o si gioca, ci sono tante idee; niente televisione io me la volevo togliere ma il marito no figurati; finchè non la cercano è molto meglio. Mamme giocate giocate se non imparate VOI a giocare con loro, loro prima o poi si accontenteranno della televisione.
    ciao francesca grazie tante, sono una tua assidua lettrice, mi suona tanto strano che non hai fatto giocare Ale con i colori a dita. Se c’è anche la ricetta per la plastilina, quella costa, la adorano. Vabbuò ciaociao

    1. Ciao Lucia grazie tanto per i consigli e come hai ragione sul fatto di imparare a giocare noi con loro, che poi è ritrovare il piacere del gioco da adulti perchè i bambini lo capiscono se giochi con sufficienza o senza convinzione. Dunque appena finita la sorpresa per il didò fatto in casa, proveremo senz’altro anche i colori a dita, anche se mi rimane qualche dubbio logistico. Grazie ancora, ciao.

      1. Un tavolo coperto con carta di giornale o una tovaglia di plastica e dei fogli per acquerello, di carta un po’ più robusta sarebbero l’optimus… ovviamente io ho steso 2 fogli giganti (rotolone Ikea) a coprire il tavolo, metà tavolo per una figlia e metà per l’altra, la carta ikea non è molto resistente e il tavolo si potrebbe sporcare, ma non molto.
        Alla fine, quando nei barattolini era rimasto solo poco colore, A ci ha tuffato le mani dentro, le ha impastate per bene mischiando i colori, si è divertita un sacco e poi alla fine mi ha guardata e ” mi lavo le mani?”. Io, madre snaturata, non la smettevo più di ridere e mio marito, rientrato in quel momento mi guardava tra l’allibito e il rassegnato!
        Comunque con la schiuma colorata (http://un-conventionalmom.blogspot.com/2011/01/lomino-della-pioggia-e-la-schiuma.html) fanno molti più “danni”.
        Sporcarsi è anche un bisogno del bambino, vestiamoli con cose vecchie e lasciamoli fare :)

        1. Monica grazie anche a te e come ti invidio: vorrei essere snaturata anche io, invece sono solo una mamma mediamente isterica poco aperta ai disastri creativi.
          Ma sto migliorando!

  6. Francy quando ci scriverai la ricetta per le bolle di sapone? In questo periodo Fabio le adora e vorrei poterla preparare io invece che comprarla!

  7. Nessuno ha mai scritto che dopo qualche giorno si inacidiscono… Almeno non l’ho mai letto fin’ora, quindi vi condivido la mia esprienza :-(

  8. io conosco un’altra ricetta per i colori: 1cup di sale , 1 cup di farina, 1 cup di acqua… poi dipende dalle quantità desiderate. alla fine aggiungere colori alimentari ed il gioco è fatto :) noi ci divertiamo tanto! mattia ha 1 anno e 1 settimana , lui dipinge così ed io con gli acquerelli :) grazie per i tuoi millemila consigli :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *