Povero Silvio…!

Sapete cos’è la cosa più triste di tutta la storia dei Bunga Bunga Party?  No, non è che il primo ministro di un paese, pure avanti con l’età, si intrattenga con ragazzine per serate di lussuria a pagamento,  e nemmeno l’ipocrisia della Chiesa che, sempre pronta a ingerenze di ogni tipo nelle questioni private dei cittadini (coppie di fatto, omosessualità e fecondazione assistita, per non parlare di eutanasia e aborto) pur di salvaguardare i suoi privilegi e gli equilibri di potere riesce sempre a passar sopra alle malefatte del partito al governo (o parafrasando monsignor Fisichella, le contestualizza…). E non c’entra nemmeno che in tutto il mondo ci ridono dietro.

E’ l’immagine di Silvio che mi rattrista.

Un uomo forte, che si è fatto da solo, ottimista e vincente, che ora viene dipinto da testimonianze ed intercettazioni come un vecchio rimba, pur virile, ma che se ne va fuori di testa per un paio di tette e per dei giochini con finte infermiere e poliziotte.  Che non si rende conto di quanta gente falsa e opportunista lo circondi e che lo asseconda pur di accaparrarsi soldi e potere. Leggi tutto “Povero Silvio…!”

Scova le differenze

Entrambe queste immagini rappresentano un pestaggio a opera di molti contro un solo soggetto inerme a terra. Entrambe le immagini sono crude e violente. Entrambe le immagini sono state catturate durante la manifestazione degli studenti contro la riforma Gelmini avvenuta a Roma il 14/12/10.   In entrambi i casi si tratta di atti vili di estrema gravità e che vanno condannati senza se e senza ma.

Però c’è una grossa differenza tra le due immagini. Sapete dirmi qual’è?

Leggi tutto “Scova le differenze”

Giocare con…chiodi e martello

I bambini amano le sfide. Amano imitarci. Amano i lavori da grandi.

Se vostro figlio vi vede fissare alla parete un bel quadro con chiodi e martello….bè, non stupitevi se vi chiederà di farlo….o in certi casi se passerà direttamente all’azione senza nemmeno chiedere il permesso!!

bambini chiodi e martello

Un caldo pomeriggio autunnale di un anno fa ci siamo quindi inventati un bellissimo gioco*, nominato da Ale ‘il martellaio’ Leggi tutto “Giocare con…chiodi e martello”