La calza della Befana

Una calza della Befana, un progetto semplice e veloce da realizzare. Eppure ho deciso di non farla. E questa volta non per mancanza di tempo o altro, ma proprio per scelta.

calze della befanaNo, la mia non è una polemica sulle festività, sul fatto che siano o meno commerciali e nemmeno sulle tradizioni. La Befana infatti passerà sicuramente anche di qui! (e sinceramente io tifo per il carbone….semplicemente delizioso!!)

Quello che volevo dire è semplicemente quel che ho scirtto: la calza, non la farò io.
Vuoi per spirito ecologico, vuoi per destinare quel seppur poco tempo ad altri progetti o più che altro per il ricordo di quand’ero bambina…

Già, le calze della Befana si possono fare o acquistare (pure già piene…!), ma a pensarci bene è davvero strano: quante calze avete nel cassetto?! Per non parlare di quelle spaiate, fatte sparire dal mostro della lavatrice, che sembrano aspettare solo il 6 di gennaio per avere un nuovo scopo vitale….

[ad#banner_468x60_solotesto]

Ricordo che quend’ero piccola mi divertivo a rovistare nel cassetto delle calze per trovare quella più adatta: non bucata innanzitutto! E di anno in anno il mio ingegno si affinava e le calze venivano prelevate non più dal mio cassetto ma da quello di mamma è papà….molto più capienti. Fino ad arrivare all’idea geniale: i collant!!!

Ma li, non ci è cascata nemmeno la Befana e sebbene me ne abbia riempita tutta una gamba….all’altra c’era un bel nodo 😉

Insomma, senza suggerire nulla al piccolo Ale mi divertirò ad osservare anno dopo anno (finchè non sarà in grado di leggere questo post!) le arguzie di cui sarà capace…

[ad#banner468x60_illustrato]

8 pensieri riguardo “La calza della Befana”

  1. Noi non abbiamo mai comprato le calze per la Befana… e nemmeno regali. Alla Befana abbiamo sempre preparato (oltre ad un buono spuntino) delle calze prese dai cassetti… sempre le stesse: quelle di lana da montagna del papà! Belle grandi, estensibili, capienti. E ogni anno lei le ha riempite di noccioline, “bagigi”, noci, mandarini, cioccolate e cioccolatini… Solo l’anno scorso ha portato un regalo in più: i calendari del 2011.
    Visto che ci sono vi faccio gli auguri per il nuovo anno… che sia splendido e ricco… visto il nuovo arrivo siete già sulla buona strada! Auguri!

  2. Che belle le calze fatte di calzini spaiati, magari col buco 😉 … noi ci metteremo quasi solo arachidi (detti bagigi dalle nostre parti), mandarini e un po’ di buon cioccolato equo-solidale
    abbasso le caramelle!!!
    Ciao!

      1. Anch’io ho già cercato le ricette… ho letto di tutto e il contrario di tutto… mmm proverò domani, credo, visto che probabilmente i bambini saranno dalla nonna a dormire… Oggi vado in farmacia a prendere il colorante…

  3. Grazie per avermi fatto ricordare una cosa che avevo scordato… stavo cercando in rete un tutorial per far fare le calze alle bambine, loro ne hanno una a testa da quando son nate, che riempiamo prevalentemente di noci , “bagigi” e mandarini. Mi ero scordata che da bimba anch’io usavo le calze “vere” e anch’io ho provato con i collant, ma non ha funzionato, la Befana li ha ignorati 😉
    Grazie e buon anno

    1. sono contenta di averti fatto tornare alla mente un tuo ricordo di bambina e che tu abbia scoperto il nostro blog monica!
      …ste befane non si fan mica fregare! 😉
      buon anno e buona befana allora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *