Aspettando Babbo Natale…

Oggi apriremo l’ultima busta del calendario dell’avvento: domani è Natale!
Visto che di regali domani Ale ne avrà decisamente molti da aprire, oggi ci sarà…no, non la chiamerei nemmeno un’attività, quanto un rito di preparazione!

aspettando babbo natale: riti e tradizioniA casa di ognuno di noi, a seconda soprattutto dei nostri ricordi d’infanzia, Babbo Natale o Gesù Bambino arrivano alla vigiglia, il mattino del 25 e in modi tutti diversi.  E altrettanti sono i “modi” in cui si può aspettare questo momento insieme ai più piccoli.

A casa equAzioni Babbo Natale arriverà durante la notte tra il 24 e il 25 e ovviamente nessuno lo potrà vedere: arriva con la sua slitta trainata dalle renne, prime tra tutte Rudolph, mentre tutti dormono e guai a provare a spiarlo…ci tiene all’anonimato e si rischia di farlo scappar via!

[ad#banner_468x60_solotesto]

E visto che ogni anno fa tanta tanta strada per arrivare in tutte le case a portare ogni sorta di regalo, si merita una bella e rinfocillante ricompensa: una tazza piena di latte con dei biscotti per lui e per le renne!

Ah, importantissimo: per far capire a Babbo Natale che deve passare anche nella nostra casa le lucine dell’albero dovranno restare accese durante la notte (ovviamente verranno spente prima di andare a dormire e riaccese poco prima che si svegli Ale!!), fino al mattino quando sotto l’albero, al nostro risveglio, troveremo tantissimi pacchetti da scartare!!

E voi avete qualche rito speciale?

[ad#banner468x60_illustrato]

5 pensieri riguardo “Aspettando Babbo Natale…”

  1. quando ero piccola, fino ai 9 anni circa, ci ritrovavamo la sera del 24 tutti a casa di mio nonno.
    si cenava e poi io e mio cugino con i nostri genuitori guardavamo film di natale. ad un certo punto sentivamo scampanellare in cortile: era arrivato babbo natale!! allora cercavamo di spiare dalle persiane ma lui era gia’ li’ che suonava alla porta. correvamo ad aprire e di babbo nenache l’ombra…ma al suo posto c’era un pacco gigante con i doni che ci aveva portato :):)

    era bellissimo…e loe’ stato fino a quando mio cugino, che ha due anni piu’ di me, una gionro ha detto rivolto a mio padre: ma io non ci credo a babbo natale., ogni volta che tu vai giu’ in cnatina a prendere il vino lui suona alla porta. babbo natale sei tu!

    allora, quell’anno, mentre guardavamo il film con MIO PAPA’, suonano il campanello ijncortile e poui alla porta.apriamo e c’e’ il pacco dono! mio cugino non poteva crederci…allora esisteva davvero babbo natale! ma non solo : babbo aveva lasciato le sue improntedi fango sulle scale fino al giardino dove poi scomparivano!

    che bei ricordi …che magia. vi auguro un buonissimo natale evi mando un grande abbraccio caldo
    sara

    1. che bello sara…leggendo le tue parole mi sono vista tutta la scena! immagino che emozione…
      io c’ho provato a convincere davide a travestirsi da babbo natale, abbiamo anche un costume ma non c’è stato verso
      ANZI, continua a ripetermi che posso farlo io, che ho pure la pancia 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *