Bimbi in cucina: la pizza!

Se i bambini amano mangiare la pizza, dovreste vedere come impazzirebbero se provaste a fargliela preparare…!

E allora rimboccate le maniche a voi e ai vostri bimbi e mettetevi attorno al tavolo della cucina armati di pochi ingredienti: farina, acqua, lievito, sale e zucchero, sugo di pomodoro e mozzarella.

Il procedimento è molto simile a quello del pane, tranne nel finale in cui l’impasto dopo la lievitazione viene steso con il mattarello.

Dunque si parte con il setacciare la farina in una grande ciotola a cui si aggiungono lievito, sale e zucchero

preparazione pizza con i bambini

e infine un pò di acqua tiepida alla volta, secondo la regola del 70

acqua per impasto pizza

impasto pizza

e si mescola bene con un cucchiaio di legno per ottenere un composto omogeneo.

mescolare

Poi si infarina la superficie di lavoro

infarinare il piano di lavoro

e si impasta

giocare con l'impasto della pizza

(vale anche fare piccole palline)

impasto per la pizza

Una volta pronto l’impasto lo si ripone nella ciotola, lo si copre con un telo e lo si lascia lievitare

lasciar lievitare l'impasto

Dopo qualche ora riprendere l’impasto e spianarlo con il mattarello

pizza e mattarello

Coprire una teglia da pizza con carta da forno

pizza nella teglia

e cospargere la base della pizza con la passata di pomodoro

sugo pizza

Tagliare la mozzarella a dadini

mozzarella per pizza

e via in forno!

la pizza di ale pronta da mangiare

Buon appetito!!

[ad#banner468x60_illustrato]

21 pensieri riguardo “Bimbi in cucina: la pizza!”

  1. ma che bravo pizzaiolo! scusa quanti anni ha ale? no perchè io provo a seguire i tuoi consigli ma Matteo usa il cucchiaio per lanciare tutto fuori dalla ciotola e proprio non riesce a fare le cose con calma, devo dargli un pò di ingredienti a parte e farlo pasticciare in libertà cercando di guidarlo nel seguire il procedimento, vorrei incanalare le sue energie al meglio senza reprimerlo. stavo per pubblicare una ricetta anch’io ^_^ come stai? le nausee migliorano?

    1. ale ha due anni e 4 mesi.
      d’obbligo a questo punto una precisazione: più si fanno fare attività di questo tipo ai bambini meno disastri combinano perchè cercano di osservare e di seguire le nostre “direttive”, ma meno non significa nessuno!
      in queste foto ale sembra supermetodico, preciso e concentrato e in effetti devo ammettere che lo è stato veramente ma quelle che vedete sono foto, non la scena dal vivo!
      detto questo per non lasciarti nello sconforto ti dico di tornare a dare un’occhiata al blog venerdì.
      tornando a matteo (quanto ha ora?) cerca di dargli le stesse cose che usi tu, spiegagli cosa e perchè fai certe operazioni, insomma deve essere davvero interessato a quello che fa e a farlo bene, proprio uguale a te. ma se vedi che è più interessato al lato pratico…non insistere, lascialo manipolare e pasticciare e vedrai che un giorno con la coda dell’occhio ti accorgerai che ti segue alla meraviglia!!
      la tua ricetta, vista!!! e sembra ottima, appena ho un pò di tempo magari la provo

      1. matteo ha quasi 22 mesi e pasticciamo spesso in cucina, forse non abbastanza. Devo dire che è migliorato molto ma ancora mangia tutto (pasta di sale compresa) e mi sembra che non riesca a versare bene le cose (anche se i suoi giochi del bagnetto sono tutti versa e schizza), insomma non ci prende proprio! Non mi voglio preoccupare perchè non voglio caricarlo delle mie aspettative e poi è ancora un cucciolino. Faccio proprio come hai detto tu e lo lascio manipolare, piano piano imparerà ed io mi alleno per quando sarà più grande a non giudicarlo secondo le mie aspettative.
        Adoro le foto del venerdì!

        1. hai detto bene barbara, non bisogna caricarli delle nostre aspettative. in fondo questo tipo di attività per loro è importante, imparano tantissimo e noi dobbiamo proporgliele con l’unico scopo di farli divertire. non li stiamo avviando ad una professione.
          quindi se preferisce pasticciare…bene!
          sul mangiare ecco, ti parlo da mamma e da educatrice. prima di iniziare io metto sempre bene in chiaro che ci sono poche regole da seguire, ma sono intransigente 😉
          l’impasto o gli ingredienti non si buttano in terra e non si mangia.
          ci può essere (e c’è sempre!) un momento in cui faccio assaggiare, fa parte anche quello del gioco, ma l’attività non è mangiare!!
          anche perchè il rischio, soprattutto se i bimbi non sono i tuoi, è che venga un bel mal di pancia!!
          ma anche così quando prendono il ritmo in genere non esagerano mai: vietare e basta non serve, anzi, li invoglia di più a scoprire i perchè
          se però sanno che diamo sempre loro la possiblità di assaggiare imparano, pian piano, anche ad aspettare.
          p.s.
          sul versare le cose: ti sembra comodo quando fa queste cose? non è che magari il piano di lavoro è troppo alto o magari seduto non si trova….prova a cambiare qualcosa, magari migliora!

  2. Ma Ale è bravissimo! Anche a Letizia piace molto impastare ma preferisce muoversi in libertà senza seguire le istruzioni di mamma… Ale invece è impegnatissimo ed efficiente!

    1. piccolalory, rimando anche a te alla risposta che ho dato a barbara.
      non abbiamo un piccolo lord in casa, te l’assicuro!!
      e se letizia non ha ancora voglia di rifare passo passo tutto quello che fai tu non importa! nemmeno ale ne ha sempre voglia.
      noi abbiamo iniziato con la pasta di sale non subito con le ricette!

  3. Complimenti al pizzaiolo! Anche noi ci divertiamo molto con la pizza (io solitamente la faccio con la pasta madre). Alice ha la sua teglietta e ne fa una piccolina tutta per lei con sopra le cose che preferisce…

  4. Anche noi prepariamo la pizza quasi tutti i fine settimana. E sono d’accordissimo con te! I bimbi hanno bisogno di pratica per imparare a fare una cosa nuova, (ma vale anche per noi adulti, pensiamo a una cosa che non sappiamo fare). Io lascio pasticciare il mio Topastro con tanti materiali da quando aveva circa 2 anni e ora che ne ha poco più di tre è diventato abbastanza bravo a non rovesciare i fagioli quando prepara le sue pappe per i pinguini, non copriamo il pavimento di farina quando facciamo biscotti o pizza. Però ogni tanto qualche pasticcio lo fa, ma è sufficiente pulire! Magari insieme :-)

    1. ben detto claudia, concordo con te!
      e poi sempre, sempre, sempre tanta pazienza. se bisogna finire con l’arrabbiarsi meglio lasciar stare!
      pappe di fagioli per i pinguini? :)))

      1. Già… forse dovremmo ricordarci di noi stessi quando stiamo imparando una cosa nuova. A me capita spesso in ufficio. Al programma che uso vengono aggiunte spesso nuove funzioni e anche se me le spiegano passo passo, spesso la prima volta che provo a fare da sola, sbaglio! Il Topastro adora Pinga e Pingu e se li porta ovunque. Li accudisce come bimbi con amore. Gli prepara quasi sempre pappe a base di pasta, (maccheroni, farfalle), o fagioli. :-)

          1. E’ una pappa buonissima, non la conosci? :-)
            Topastro ha un contenitore con tanti fagioli secchi, di vari tipi. Li usa per cucinare con la sua cucina giocattolo. Idem per maccheroni. Chiaramente in salotto c’è quasi sempre qualche fagiolo per terra ma… va bene così!

  5. Non posso che aggiungermi ai complimenti. La mia piccola e’ credo ancora troppo piccola, 16 mesi, pero’ mi piacerebbe tanto iniziare a farle paciugare in cucina, anche perche’ quando preparo lei vuole sempre starmi a vedere….forse potrei lanciarmi in una pizza questo weekend insieme a lei.
    io sono nata senza pazienza, ma sono stupita di come invece lo sia con lei. sono talmente adorabili anche quando combinano dei pastrocchi che il piu’ delle volte mi viene da ridere, anche se poi dobbiamo pulire tutta la cucina 😀

    1. elena, in effetti letizia è piccola, ma a seconda di quanto mette ancora in bocca secondo me potresti iniziare con la pasta di sale
      e se pensi che non sia ancora il caso dalle della frutta o della verdura cruda, già pulita e a pezzi grossi, magari insieme a delle ciotole o altri contenitori.
      può iniziare con dei giochi di “smistamento”, contenta del fatto che sta usando cibo vero, come te
      e così preparerà le sue prime pappe…!

  6. Anche Fabio prende parte alla preparazione della pizza, però gli devo dare poca pasta in mano altrimenti… la sua parte se la mangia tutta cruda!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *