La città fragile

Un paio di sabati fa siamo riusciti finalmente ad andare a vedere in Triennale la mostra La Città Fragile. Appena in tempo perchè la mostra, aperta il 20 di Novembre avrebbe chiuso i battenti proprio il giorno dopo (il 10 gennaio 2010).

Questa mostra rappresenta  la quarta tappa di una riflessione sugli effetti della modernità sulle forme di convivenza, della sua tendenza all’erosione delle forme di relazione tradizionali e del bisogno di comunità.  Gli altri capitoli / tappe sono state le mostre  La città infinita (2003), La rappresentazione della pena (2006), e  La vita nuda (2008)  alle quali purtroppo non siamo però mai andati. Leggi tutto “La città fragile”

Come realizzare un Mei tai – tutorial

Elena del gruppo delle fasce su FaceBook, aveva realizzato un dettagliatissimo tutorial, che però ha scatenato un gigantesco polverone per questione di copyright, brevetti ecc ecc.

[ad#banner_misto_468x60]

Alla fine la situazione non si è più sistemata, nonostante le premesse (era evidente che l’obiettivo era esclusivamente rimuovere il più velocemente possibile il tutorial).  Quindi del tutorial di Elena vi lasciamo solo l’immagine di ciò che è stato online per circa una settimana..

Nel frattempo abbiamo però pubblicato un altro Tutorial per realizzare un Mei-Tai, gentilmente messo a disposizione di Tiz MyMeitai.

Per saperne di più  sui supporti per portare e sulle Fasce Portabebè EquAzioni cucite dalle mamme della nostra associazione trovate tutte le info qui

a presto

[ad#banner468x60_illustrato]

Il giorno della memoria (il giorno dopo)

Abbiamo deciso di parlare oggi del Giorno della Memoria, non perchè ce ne siamo dimenticati (!) ma semplicemente perchè ieri e i giorni immediatamente antecedenti se ne è parlato davvero praticamente ovunque.

Le ricorrenze, i grandi festeggiamenti, le magnificenti celebrazioni sono importanti però spesso si riducono ad un qualcosa di meccanico – e personalmente anche un pò ipocrita e stucchevole: “Il 27 febbraio è il giorno di ricordo della Shoa, dobbiamo parlarne, discutere, commemorare, anche perchè se no gli altri cosa penseranno, che siamo dei menefreghisti, revisionisti, insensibili?”   Poi il giorno dopo, tutto come prima, le belle parole e i buoni propositi finiscono nel dimenticatoio fino all’anno successivo quando il ricordo verrà opportunamente rispolverato.

Il lavoro rende liberi – Non ricordo dove lessi questa frase ma fu una di quelle citazioni che ti fulminano all’istante perché raccontano un’immensa verità”.  Leggi tutto “Il giorno della memoria (il giorno dopo)”

Stop alla discriminazione dei papà!

Dal pediatra, siamo presenti entrambi per far visitare il piccolo Ale:  signora lo spogli, signora mi dica, signora le dia questo e quello…  al mio intervento per elencargli orari e temperature di tutte le febbri misurate nelle ultime 36 ore e dei medicinali somministrati, un pò vengo ignorato, un pò guardato con diffidenza…

Al pronto soccorso,  siamo presenti entrambi e Ale si dimena come un matto per non farsi auscultare: signora mi dica, signora lo prenda in braccio che magari si calma, signora le dia questo e quello …  Leggi tutto “Stop alla discriminazione dei papà!”

Un “libro” tutto speciale

Verso i 14 mesi i bambini riconoscono ormai da tempo le persone che si prendono cura di loro e  quelle che sono loro più vicine e sono in grado di sfogliare, nonchè apprezzare, seppur a modo loro,  un libro.

In pochissimo tempo e con una spesa di pochi euro potrete allora preparare ai vostri figli una sorpresa che apprezzeranno moltissimo, un libro speciale i cui protagonisti sono le persone che meglio conosce.

family_1

Vi occorre un album di fotografie, sono perfetti quelli piccoli che in genere i fotografi regalano quando si sviluppano delle fotografie e poi più immagini che potete.
Leggi tutto “Un “libro” tutto speciale”