Una madre lo sa

una-madreUna madre lo sa. Tutte le ombre dell’amore perfetto
Concita De Gregorio
€ 8,40  Pg 119
Editore    Mondadori, 2008

Abbiamo comprato questo libro perchè ne avevamo sentito parlare molto bene  e  anche se in realtà ci aspettavamo qualcosa di completamente diverso  (forse pensavamo avesse più a che fare con il “tormentone”   che sentiamo troppo spesso ripetere ad amici, nonne e conoscenti “una mamma lo sa” riguardo alla presunta innata capacità delle donne nel momento stesso in cui diventano mamme di saper interpretare d’istinto qualunque esigenza del bambino e di saper sempre cosa è meglio fare per lui..).

Invece il libro altro non è che una ventina di racconti che parlano di maternità, di vari aspetti della maternità che nonostante i luoghi comuni (una madre lo sa, appunto), possono trovare spazio in un mondo in cui per le madri non c’è posto.

Senza entrare troppo nel dettaglio mi piace citare un paio di frammenti del libro:

  • quella in cui si mette a confronto Pinocchio e Pippi Calzelunghe e di conseguenza si individua l’origine della differenza tra gli italiani “bamboccioni” e gli svedesi indipendenti e autodeterminati proprio nei diversi messaggi portati avanti nelle storie per bambini dei rispettivi paesi  (considerazione che abbiamo fatto anche noi più volte leggendo fiabe, storie e libricini italiani e stranieri…)
  • e poi il commuovente racconto della ostetrica che pur avendo accompagnato migliaia di donne attraverso il miracolo del parto non ha mai avuto un figlio e ripercorre i  tanti ricordi della sua vita professionale:

una volta la prima cosa che chiedevano era “è maschio o femmina?”,  (…) ora lo sanno già,  ora i familiari che aspettano fuori l’unica cosa che chiedono è il peso del bambino, del resto sanno già tutto. La prima domanda è davvero sempre la stessa “quanto pesa?”. La cosa che mi colpisce, specialmente se ripenso agli inizi, è che nessuno mi chiede subito come sta la madre.  Nessuno tranne la madre della madre, che sempre- sempre- chiede per prima cosa come sta sua figlia.

Ora,  io ero sicuramente talmente preso  ed emozionato che di quel momento ho ricordi confusi ed agitati e non potrei giurarlo ma credo proprio sia la prima domanda che mi ha fatto la mamma della Frà quando sono uscito dalla sala parto..

5 pensieri riguardo “Una madre lo sa”

  1. Sono esattamente quelli che avete citato i momenti del libro che più mi hanno colpita. In particolare le parole della “madre della madre” mi emozionano sempre.

  2. Anche a me ha emozionato tantissimo la storia dell’ostetrica. Diversi passi del libro a dire il vero sono stati commoventi. E Pippi Calzelunghe… il giorno dopo ho ordinato il libro! Per il resto, direi che in generale il libro è un’occasione in più per apprezzare la De Gregorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *