Piedi nudi – si ricomincia!!

Dopo un lungo inverno piovoso e nevoso (come è giusto che sia – e il mio spirito snowboarder ringrazia)  finalmente le temperature sono diventate più miti e mi è di nuovo possibile, lasciare le scarpe a casa sempre più di frequente!!

piedi_nudi

Si infatti, basta un pò, diciamo molta, abitudine e “ci si fa il callo” sia a “resistere” a temperature non proprio da spiaggia sia a terreni molto ruvidi.   Abbiamo già parlato del camminare a piedi nudi in questo articolo, ma al termine di ogni inverno quando, ricominciamo, si rinnova in noi l’entusiasmo e in amici / conoscenti / passanti lo stupore del vederci in giro scalzi, quindi cogliamo l’occasione per chiarire alcuni aspetti.

In rete si trovano molti forum e siti in cui c’è gente che afferma di stare scalza tutto l’anno,  ovviamente questo dipende molto sia dal clima che dal lavoro che si svolge. Leggi tutto “Piedi nudi – si ricomincia!!”

Una doccia originale

Anche quando ci concediamo un week end al mare il mio sguardo è sempre alla ricerca di piccoli dettagli creativi e fantasiosi e a star bene attenti se ne trovano sempre!
Guardate un pò….

doccia

Questa è la doccia di una struttura balneare privata in Liguria: l’acqua esce da due innaffiatoi vecchio stile di metallo…!! Davvero originale!

Se passeggiando al mare, in montagna o in città trovate qualche idea creativa o bizzarra mandateci una foto o una descrizione!!

Primo esperimento: torta di mele

Qualche giorno fa sono riuscita a prendermi un’oretta di tempo per tentare il primo esperimento per la torta del primo compleanno di ale e…..è riuscito!!
Gli ingredienti “possibili” non sono tantissimi e tra le scelte c’erano ovviamente le torte alla frutta.
Ad Ale piace un sacco tutta la frutta, se ne mangerebbe a vagonate e così ho provato con una torta di mele.

Questa è la ricetta che ho usato, suggerita da Sole (che ringrazio ancora!!):

Ingredienti
1 Kg mele (o pere, in alternativa)
3 uova intere
350 gr farina
150 gr zucchero di canna
1/2 bicchiere d’olio extra vergine d’oliva, oppure olio di semi girasole bio spremuto a freddo
lievito per dolci
(latte)mele Leggi tutto “Primo esperimento: torta di mele”

Officina dei Colori: laboratori di primavera

In molti ci avete chiesto informazioni sui laboratori che la nostra associazione propone in particolar modo in questa stagione presso biblioteche, parchi, scuole, comuni e aziende.

E allora per cominciare, il nostro cavallo di battaglia: il laboratorio “Casa dolce casa” grazie al quale i bambini si improvvisano architetti e giocano a conoscere Paesi vicini e lontani attraverso le case e le abitazioni di tutto il mondo. Imparano a scoprire, attraverso il tatto, i materiali di cui esse sono fatte e provando a costruire e ad inventarne.

immagimondo

O ancora “Te le suono”, laboratorio di costruzione di strumenti musicali e oggetti sonori. Un mondo di suoni con strumenti provenienti da tutto il mondo: kazoo, tamburi, chocalhos, sistri e maracas. Oggetti comuni si trasformano in strumenti musicali fuori dal comune. Leggi tutto “Officina dei Colori: laboratori di primavera”

Cromo esavalente nell’acqua del rubinetto

E’ di qualche giorno fa la notizia che a Treviglio una azienda americana durante dei test  ha confermato la presenza e la tossicità del Cromo Esavalente nell’acqua che da 8 anni (da quando è avvenuto l’incidente del 2000 nella Castelcrom di Ciserano) esce dal rubinetto così pesantemente inquinata.

notdrinkable_water

Bere acqua contentente cromo esavalente fa male alla salute.  Il Cromo 6 se ingerito può avere effetti cancerogeni sul cavo orale e sull’intestino.

Però ciò che mi fa male a sentire queste notizie è il loro impatto sull’opione pubblica.

Quello che mi fa male è sentirmi dire da amici e conoscenti: ” Visto? tu che vuoi tanto fare l’ecologista, il consumatore consapevole, il risparmiatore, alla fine metti solo più a rischio la tua salute bevendo l’acqua del rubinetto!

Quello che mi fa male è essere io stesso colto da dubbi sugli effetti sulla salute di alcuni comportamenti (come bere il latte crudo, mangiare biologico, andare in giro scalzi, ecc ecc)

Quello che mi fa male è la consapevolezza che spesso queste notizie sono gonfiate, se non pilotate, dai media e dalle grandi aziende che da tali comportamenti verrebbero danneggiate, e che al contempo quando notizie simili riguardano i prodotti “industriali” vengono sempre sminuite come singoli casi che non devono destare preoccupazione,  errori umani o malafede di alcuni operatori, o dolo di qualche pazzo…

Ma soprattutto quello che più mi fa stare male e letteralmente mi fa impazzire è la “naturale” conclusione della maggior parte delle persone: ” Beh se l’acqua potabile pubblica gratuita è inquinata…  chissenefrega, tanto bevo l’acqua in bottiglia ( e se non lo faccio, comincio a farlo subito!).”

Bisognerebbe invece incazzarsi, scandalizzarsi e attivarsi attraverso tutti i mezzi che la tecnologia e la democrazia ci mettono a disposizione per far si che cose di questo tipo non si siano assolutamente nemmeno ipotizzabili e che i responsabili paghino per i loro misfatti!

Ma d’anltronde se ministri e capi di stato di tutto il mondo hanno stabilito al Forum sulla Giornata mondiale dell’Acqua che essa è un bisogno fondamentale ma non un diritto……