Come fare il pane a mano

Dopo aver provato ad utilizzare una moderna macchina per impastare e cuocere il pane… abbiamo presto deciso di tornare ai metodi tradizionali!
Sicuramente il procedimento risultava più semplice e comodo, dovendo preoccuparsi solamente di versare nel contenitore gli ingredienti nelle giuste dosi. La pagnotta che veniva sfornata dalla macchina però risulta a mio avviso troppo “pesante”, troppo compatta e condensata.
Quindi, come dicevo, siamo tornati all’autoproduzione di quest’alimento tanto semplice quanto ricco e nutriente.
E allora veniamo alla mia ricetta non troppo segreta.

Ingredienti:
– 1 kg farina 00
– 2 bustine di lievito in polvere
– 1 cucchiaino di zucchero
– 4 cucchiaini di sale
– 600 ml acqua tiepida

Procedimento:
Mischiare in una ciotolina il lievito e lo zucchero (che favorisce la lievitazione) con un pò d’acqua e lasciare riposare per circa 15 minuti affinchè diventi una specie di cremina.
Versare in una terrina la farina, il sale, il lievito e, poco alla volta, l’acqua.
Mescolare bene con un cucchiaio di legno cercando di amalgamare il più possibile gli ingredienti.
Sporcare con della farina il tavolo o il piano di lavoro e versarci sopra l’impasto.
Impastare a mano per circa 15 minuti, aggiungendo all’occorrenza poca farina alla volta, nel caso si appiccicasse troppo alle mani.
Riporre nuovamente l’impasto nella terrina coprendolo con un panno pulito e lasciar riposare per un paio d’ore, meglio se vicino ad una fonte di calore.
Ri-impastare nuovamente per una decina di minuti per eliminare le bolle d’aria che si sono create.
Dividere l’impasto in tante piccole palline (della dimensione desiderata dei panini) e disporle su una teglia coperta con carta da forno.
Coprire con un panno e lasciare riposare per un’oretta, dopodichè mettere in forno a 200° per venti minuti.

Ottimi da mangiare caldi caldi con olio e sale!!!

[ad#post-ad-2]

16 pensieri riguardo “Come fare il pane a mano”

  1. ….ma pensa…. non saprei. a me sempre han detto l’esatto opposto! posso parlare solo per esperienza: a me l’impasto lievita sempre bene e il pane è ottimo… cercherò di informarmi e ti farò sapere!

  2. E’ il sale che blocca la lievitazione, mentre lo zucchero , come giustamente evidenziato all’inizio, la favorisce.
    Usando iquei lieviti secchi che non vanno disciolti nell’acqua, ci sono meno problemi, e sinceramente sono più pratici…

  3. torniamo a fare il pane in casa, è più buono e ci costa un quarto di quanto ce lo fanno pagare dal fornaio.
    ma non era un alimento di prima necessità insieme al latte???
    Eppura ci costa il doppio!!!!!!

  4. io ho provato a fare il pane in casa e come gusto eè anche buono pero’ non riesco a farlo venire soffice e la crosta mi diventa dura qualcuno può darmi qualche consiglio per evitare tale inconveniente

  5. non mi viene mai uguale benche’ cerchi di usare sempre lo stesso metodo.Mi piacerebbe sapere perche’ bisogna fare uscire l’aria dopo la prima lievitazione,non diventa piu’ bello e soffice se l’aria rimane imprigionata?
    qualcuno volonteroso mi faccia sapere.Grazie

  6. Ciao Luciana, per la crosta una soluzione può essere quella di mettere un piccolo recipiente pieno d’acqua dentro il forno in modo che evaporando lasci la crosta bella morbida.
    Marino invece, per il fatto che il risultato non sia mai identico, è dovuto proprio al fatto, come per lo yogurt e il formaggio, che anche se siamo attentisssimi a tutti i passaggi, non possiamo controllare tutti i fattori al 100%, basta qualche batterio, l’umidità dell’aria, piccole differenze nella farina, e il risultato cambia…
    Riguardo alla questione aria e bolle… onestamente non ti so dire il perchè, indagherò!

  7. Fantastico Vicky!! Proveremo oggi stesso. Sembra abbastanza strano proprio perchè in realtà la fase dell’impasto e del far fuoriuscire l’aria per evitare bolle dovrebbe essere fondamentale nella riuscita di un buon pane. Però vale la pena tentare e poi valutare se il risultato è accettabile. Potrebbe essere un buon compromesso per la fretta di tutti i giorni, poi alla domenica si può sempre seguire il metodo tradizionale.
    .. cmq secondo me il trucco sta nel non aprire mai lo sportello del forno durante la lievitazione e durante la cottura…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *